Va a rubare a pochi giorni dal parto, fermata: deve scontare 22 anni di carcere, ma è libera

La donna, la croata S. Radulovc, è stata fermata in un palazzo di corso Sempione. La storia

Foto repertorio

Nonostante fosse ormai a pochi giorni dal parto, era andata a "lavorare". Una volta fermata, però, è riuscita a cavarsela ancora. Una donna di trentuno anni - Radulovic S., una cittadina croata con numerosi precedenti alle spalle - e una sua connazionale di un anno più grande sono state fermate domenica pomeriggio in un condominio di corso Sempione poco prima che potessero commettere un furto. 

L'allarme è scattato alle 13.20, quando alcuni residenti del palazzo hanno visto le due donne entrare nell'edificio e hanno allertato il 112. I poliziotti sono arrivati sul posto e nel cortile hanno trovato un cacciavite - probabilmente buttato dalle ladre - per poi fermare le due sul pianerottolo. 

Le 30enni, entrambi incinte all'ottavo mese di gravidanza, sono state denunciate per violazione di domicilio e tentato furto. 

Sulla testa della Radulovic, hanno scoperto gli agenti, pendeva però un cumulo pene di ventidue anni di carcere, per una serie infinita di reati commessi negli anni precedenti. La 31enne, che tra pochi giorni dovrebbe partorire, è stata portata in ospedale, dove darà alla luce suo figlio. 

Dopo, stando alla decisione del tribunale di sorveglianza, per lei dovrebbero aprirsi le porte del carcere. Che per il momento è riuscita ad evitare.

Nella giornata di lunedì 17 giugno la 31enne Radulovic S. ha partorito all'Ospedale San Paolo di Milano, dove si trovava ricoverata. A venire alla luce è stata una bambina.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, incidente in via Trevi: Smart si ribalta e piomba dentro al negozio di kebab, un morto

  • Incidente fra tre camion sull'A4, autostrada chiusa e traffico in tilt: i percorsi alternativi

  • Coronavirus, tre donne cinesi con la febbre visitate al Sacco. Salta il Capodanno cinese

  • Margherita, Capricciosa e droga: arrestato titolare di una pizzeria, spacciava nel locale

  • Omicidio stradale, Michele Bravi chiede 1 anno e mezzo di reclusione come patteggiamento (pena sospesa)

  • Riapre corso Plebisciti: via libera alle auto dal 29 gennaio, come cambiano i mezzi Atm

Torna su
MilanoToday è in caricamento