Litiga con la ex, prende a calci e pugni gli agenti e ne manda due in ospedale: arrestato

In manette un 25enne del Venezuela. Due poliziotti sono finiti in ospedale per essere curati

Ha iniziato litigando con la ex in strada. E ha concluso, a modo suo, mandando due poliziotti in ospedale. Un ragazzo di venticinque anni, un giovane venezuelano, è stato arrestato domenica sera dalla polizia con l'accusa di resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. 

Gli agenti, stando a quanto riferito dalla Questura, sono intervenuti in viale Certosa, all'angolo con via Tavazzano, dove alcuni passanti avevano segnalato una violenta lite in strada tra un uomo e una donna, che sono poi risultati essere il 24enne e la sua ex. 

Alla vista della polizia, però, l'uomo è andato su tutte le furie: ha cominciato subito a insultare e minacciare i poliziotti, per poi scagliarsi contro di loro con calci e pugni. A quel punto, non senza fatica e nonostante le ferite, gli agenti lo hanno immobilizzato e arrestato. 

Per lui la notte è finita in una camera di sicurezza, mentre i due agenti sono finiti in ospedale da dove sono poi stati dimessi con prognosi di quattro e cinque giorni. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, primi casi di coronavirus accertati in Lombardia: 38enne ricoverato a Codogno

  • Coronavirus, i casi sono 14: gravissimo un 38enne, in isolamento la moglie e un amico

  • Mafia, a Milano il prefetto chiude L’Antica pizzeria da Michele, storico locale napoletano

  • Smog alle stelle a Milano, scatta il blocco del traffico: le auto che non potranno circolare

  • Grave incidente in autostrada A4, auto ribaltata: giovane 27enne rianimato sul posto

  • Incidente davanti al treno deragliato: Madeline è morta a 21 anni uccisa dal pirata fatto di coca

Torna su
MilanoToday è in caricamento