Architetto milanese spara alla moglie e poi si uccide: omicidio suicidio nel parmense

Sul posto, oltre agli operatori del 118 che non hanno potuto fare altro che constatare il decesso dei due

La villetta

Omicidio-suicidio all'interno di una villetta a Case Vascelli, frazione di Medesano sulle colline del parmense verso l'ora di pranzo di martedì 24 luglio. Era da poco passata l'una di pomeriggio quando un uomo di 83 anni, Luigi Diomede, ex architetto milanese in pensione, ha sparato alla moglie Giustina di 65 anni con una pistola, regolarmente registrata. I due abitavano all'interno di una villetta che si trova in fondo ad una stradina di montagna, in località Case Vascelli, a qualche chilometro da Sant'Andrea Bagni. Dopo aver sparato alla donna l'anziano si sarebbe suicidato, probabilmente con la stessa arma, come riporta ParmaToday. 

Secondo le prime informazioni, ancora frammentarie, dopo aver ucciso la moglie e prima di togliersi la vita, Luigi Diomede avrebbe avvertito il figlio della coppia con una telefonata. Il ragazzo, che abita a Milano, ha potuto solamente apprendere della drammatica morte della madre e del successivo suicidio del padre. Secondo le prime ricostruzioni Luigi Diomede soffriva da tempo di una grave malattia e viveva insieme alla moglie Giustina nella villa di montagna da diversi anni. 

Sul posto, oltre agli operatori del 118 che non hanno potuto fare altro che constatare il decesso dei due, i carabinieri di Parma e i colleghi di Salsomaggiore che si stanno occupando di ricostruire l'esatta dinamica dei fatti. Sul luogo dell'omicidio-suicidio anche la Scientifica, che ha effettuato i rilievi di rito. Tra le persone che nel pomeriggio erano presenti all'interno della villetta anche il Pm di turno Umberto Ausiellom che coordina le indagini. Gli accertamenti all'interno della villetta sono proseguiti per ore nel pomeriggio del 24 luglio. Le autopsie sui due corpi, necessarie per capire le cause della morte, verranno effettuate nei prossimi giorni. Resta da capire la dinamica precisa dei fatti e l'orario esatto della morte dei due. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, primi casi di coronavirus accertati in Lombardia: 38enne ricoverato a Codogno

  • Coronavirus, sale il numero dei contagiati in Lombardia: sono 47. Due casi nel milanese

  • Coronavirus, altro contagio: positivo al virus un 40enne che lavora a Cesano Boscone

  • Coronavirus, primi 2 casi a Milano: contagiati a Sesto e Mediglia, "caccia" al vero paziente 0

  • Coronavirus, i casi sono 14: gravissimo un 38enne, in isolamento la moglie e un amico

  • Coronavirus, i contagi in Lombardia salgono a 14: "Dobbiamo contenere il virus in quell'area"

Torna su
MilanoToday è in caricamento