Moglie di un pensionato fa scoprire un giro di prostituzione in un centro massaggi cinese

È successo a San Donato Milanese, nei guai la titolare del negozio: una cittadina cinese

Immagine repertorio

Sfruttamento della prostituzione. È l'accusa a cui deve rispondere la titolare di un centro massaggi di San Donato Milanese: una cittadina cinese di 39 anni, arrestata. All'interno del suo negozio, secondo quanto accertato dai carabinieri, si sarebbero verificate delle attività di prostituzione.

A segnalare il centro, vicino alla strada Paullese, ai carabinieri è stata la moglie di un pensionato; la donna si è rivolta ai militari di San Donato lamentando che il marito 65enne stava dissipando gran parte della sua pensione all'interno dell’esercizio commerciale. Centro in cui la donna sospettava che non venissero praticati solo massaggi terapeutici.

Il blitz è scattato nella mattinata di sabato 13 gennaio. Quando i militari sono entrati nei locali hanno sorpreso due cittadini italiani di 30 e 60 anni, oltre alla titolare arrestata in flagranza mentre incassava 100 euro da un cliente. Un'altra cinese di 43 anni, residente a Milano e già nota alle forze dell'ordine è stata arrestata a piede libero, sempre per sfruttamento della prostituzione. All'interno del centro benessere sono state trovate anche quattro ragazze tra i 20 e i 25 anni. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, tutte le scuole di Milano e provincia chiuse: ecco l'elenco dei comuni

  • Milano, primi casi di coronavirus accertati in Lombardia: 38enne ricoverato a Codogno

  • Coronavirus, altro contagio: positivo al virus un 40enne che lavora a Cesano Boscone

  • "Si è scambiata un'infezione appena più seria di un'influenza per una pandemia letale"

  • Coronavirus, primi 2 casi a Milano: contagiati a Sesto e Mediglia, "caccia" al vero paziente 0

  • Coronavirus, sale il numero dei contagiati in Lombardia: sono 47. Due casi nel milanese

Torna su
MilanoToday è in caricamento