Milano è la "capitale del crimine", ma per Censis i reati sono in calo

Il rapporto dell'istituto sulla sicurezza mette il capoluogo lombardo al primo posto della classifica sui crimini denunciati

Foto di repertorio

Con 237.365 reati denunciati nel 2016 Milano è la città italiana con il più alto numero di crimini in Italia. Lo scrive l'istituto di ricerca socio-economica Censis nel suo rapporto sulla filiera della sicurezza in Italia, realizzato insieme a Federsicurezza.

Secondo il documento del Censis nel capoluogo lombardo si verifica il 9,5% del totale dei reati commessi in Italia e si registrano 7,4 reati denunciati ogni cento abitanti, dato che fa guadagnare alla città il primato anche per il numero di crimini in rapporto alla popolazione. Le statistiche milanesi sono perciò ben al di sopra della media italiana, pari a 4,1 reati ogni 100 abitanti.

A seguire Milano nel ranking delle province italiane con il più alto numero di reati Roma, con 228.856 crimini denunciati (9,2%), Torino, con 136.384 reati (5,5%), e Napoli, con 136.043 (5,5%). Mentre al secondo e terzo posto nell'elenco delle città con il numero più alto di reati per abitanti Rimini (7,2), e Bologna (6,6).

Il quadro nazionale

I record detenuti da Milano in materia di reati non sono però allarmanti se inseriti nel quadro nazionale, che vede un calo consistente nel numero di crimini, pari al 10,2% solo tra il 2016 e il 2017. La diminuzione dei reati, specifica il Censis, riguarda tanto gli omicidi quanto le rapine e i furti. L'istituto di ricerca evidenzia però come non vi sia corrispondenza tra questo netto calo nel numero di reati e la percezione che i cittadini ne hanno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Gli italiani hanno paura: non più legata esclusivamente al timore di rimanere vittima di reato, la paura è diventata uno dei tratti fondamentali del nostro tempo, alimentata dall’insorgere di un insieme di insicurezze di diversa natura", si legge nel rapporto. La criminalità, annota il Censis, continua quindi a essere ritenuta un problema grave dal 21,5% degli italiani, "ad aver paura sono soprattutto i nuclei familiari a più basso reddito".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, 'paziente covid positivo' attraversa la città con flebo e ossigeno: la performance

  • Milano, folle abbandona la mamma sull'A7, poi picchia un tranviere e si mette a guidare il tram

  • Incidente a Carpiano, scontro tra due auto piene di bambini: bimba di 7 mesi grave

  • Milano, ancora spari in via Creta: ragazzo di 32 anni gambizzato durante la notte, le indagini

  • Fanno esplodere la banca e scappano verso un campo rom: il bottino era di 60mila euro

  • Lo spettacolo della cometa Neowise, visibile a occhio nudo sopra Milano

Torna su
MilanoToday è in caricamento