Busta con un proiettile e minacce a casa di un dipendente di Sogemi

Il fatto è stato denunciato sabato

Repertorio

Un dipendente della Sogemi si è visto recapitare nella sua abitazione una busta chiusa con un proiettile e un breve messaggio scritto a mano con tono minaccioso esplicito. E' successo venerdì 25 maggio. 

Sogemi è la società - partecipata del Comune di Milano - che gestisce l'Ortomercato e gli altri mercati alimentari all'ingrosso. In passato, più e più volte, le indagini delle forze dell'ordine si sono concentrate sulla gestione delle operazioni di facchinaggio all'interno dei mercati; operazioni svolte da addetti assunti da cooperative esterne e non direttamente da Sogemi.

L'azienda ha però l'obbligo di effettuare controlli anzitutto per verificare che il protocollo della prefettura venga rispettato dalle cooperative. E il dipendente minacciato, a quanto risulta, sarebbe proprio un addetto a questo genere di verifiche. 

"I bastardi si castigano. Ora tocca a te": queste le parole, scritte a mano, trovate nel foglietto che accompagnava il proiettile. L'uomo ha denunciato il fatto e Sogemi ha espresso solidarietà al proprio dipendente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, guardia giurata travolge motociclista, vede che è morto e si spara in testa: il dramma

  • Giovane morto travolto da un treno del metrò: Cassazione condanna l'agente di stazione di Atm

  • Milano, guardia giurata di 26 anni si spara in testa dopo un incidente mortale: chi era Flavio

  • Primark apre un altro negozio milanese: il 4 dicembre inaugura il mega store al Fiordaliso

  • Influencer per sfida in piazza Duomo, torna la seconda volta: identificata con l'autista

  • Sciopero dei mezzi il 28, sciopero generale il 29: treni, metro e bus a rischio per due giorni

Torna su
MilanoToday è in caricamento