Mirko Rosa sotto sfratto: l'ex re dei compro oro si barrica in casa, devasta i mobili e poi scappa

È successo sulla strada provinciale Saronnese a Rescaldina nella tarda mattinata di lunedì

Mirko Rosa

Quando ha visto l'ufficiale giudiziario si è "barricato" in casa. Poi avrebbe spaccato diversi mobili. Infine sarebbe scappato facendo perdere le proprie tracce. È successo sulla strada provinciale Saronnese Rescaldina nella tarda mattinata di lunedì 15 luglio. Protagonista del fatto: Mirko Rosa, ex patron dei compro oro "MirkOro" arrestato e condannato in via definitiva per evasione fiscale.

Tutto è iniziato intorno alle 11.45 quando l'ufficiale giudiziario si è presentato insieme al proprietario di casa alla porta dell'attico dell'ex imprenditore nel settore dell'oro. Mirko Rosa, secondo quanto trapelato, non avrebbe aperto la porta, ma si sarebbe "barricato" devastando alcuni mobili.

Sul posto sono prima intervenuti i carabinieri della compagnia di Legnano, poi i vigili del fuoco del comando provinciale di Milano che sono entrati nell'appartamento, al primo piano di uno stabile. All'interno, tuttavia, non è stato trovato nessuno: sarebbe scappato facendo perdere le proprie tracce.

Potrebbe interessarti

  • A Milano gli rubano la bici con cui sta viaggiando per il mondo, l'appello: "Aiutatemi"

  • Intolleranza al lattosio: come riconoscerla

  • Come avere i finanziamenti per riqualificare energeticamente la casa a Milano

I più letti della settimana

  • Appena arrivato a Malpensa inizia a tremare: muore 28enne 'mulo' del narcotraffico

  • Milano, due fratelli morti in una casa a Baggio: uno ucciso a coltellate, un altro impiccato

  • Morto il fumettista milanese AkaB, Gabriele Di Benedetto: aveva solo 43 anni

  • Milano, dramma a Rogoredo: ragazza di 28 anni muore travolta da un treno in stazione

  • La notte folle di un uomo: fa sesso con una prostituta, poi ‘spara’, la rapina e si accoltella

  • Incidente a Zibido, si schianta alla rotatoria e l'auto si ribalta più volte: morto un 32enne

Torna su
MilanoToday è in caricamento