Milano, morte del piccolo Leonardo: il ministro Fioramonti incontra la preside della scuola

Il ministro: "Rispetto la famiglia, immagino che voglia avere il massimo della riservatezza"

I soccorsi a scuola. Di S. Mesa Paniagua

Il ministro dell'Istruzione, Lorenzo Fioramonti, ha incontrato giovedì mattina a Milano, in forma privata, la dirigente scolastica della scuola elementare Pirelli, dove ha perso la vita in seguito a una caduta dalla tromba delle scale un bambino di prima elementare.

"Io rispetto moltissimo la famiglia, immagino che voglia avere il massimo della riservatezza per una tragedia di questo livello - ha detto il ministro ai giornalisti che gli hanno chiesto, a margine della sua visita alla fiera della formazione Expo Training, se ha avuto modo di incontrare la famiglia del piccolo -. Ho voluto incontrare in forma privata, anche per rispetto nei confronti della comunità scolastica, stiamo parlando di una scuola elementare, la dirigente scolastica, per portare a lei e alla sua comunità la vicinanza del ministero. Questa è una tragedia enorme e l'ho definita anche un lutto per il mondo della scuola".

La morte di Leonardo: la cronaca dei fatti

La voce del padre che chiede informazioni su suo figlio alle prime persone che incrocia. Quella di una dottoressa che dopo aver chiesto se l'autista dell'ambulanza fosse pronto, chiede ai carabinieri di scortarli fino in ospedale. La voce dei genitori degli altri bimbi che, spaventati per il proprio figlio, chiedono ai carabinieri che presidiano la scuola di chi si tratti. Quella di una bidella che singhiozza mentre parla con alcuni insegnanti. Quella dei bambini nelle classi che hanno capito che qualcosa di insolito è successo nella loro scuola, ma non hanno idea della tragedia.

E poi lui, il piccolo Leonardo Acquaviva, che con i suoi quasi sei anni è l'unico a non avere voce nei momenti più concitati di quel maledetto venerdì mattina. I suoi piedini nudi sulla barella dondolano, vibrando per i movimenti concitati dei soccorritori, mentre viene caricato sull'ambulanza. Ora che, dopo quattro giorni di lotta, è stata dichiarata la sua morte quel silenzio diventa un urlo.

La sua voce risuona tra le strade del quartiere Bicocca. La sua voce risuona a Palazzo Marino, con il sindaco Beppe Sala che ha detto per "Milano è un giorno doloroso". Uno dei più tristi nella sua 'carriera' di primo cittadino.

Video: i soccorritori portano via il bambino

Quando saranno i funerali di Leonardo

La salma del bambino è stata affidata ai familiari. I funerali saranno celebrati nella giornata di venerdì, alle 14.45, nella parrocchia di San Giovanni Battista alla Bicocca, in viale Fulvio Testi. Lo annunciano addolorati i genitori, Alessandra e Giuseppe. La chiesa si trova a due isolati dalla scuola della tragedia e dalla materna frequentata fino alla scorsa estate dal piccolo Leonardo.

Diverse voci del mondo politico hanno chiesto espressamente all'amministrazione comunale di proclamare il lutto cittadino. Come monito perché la scuola dovrebbe essere il posto più sicuro del mondo e da questa tragedia si può e si deve ripartire perché non accada mai più. Il sindaco Beppe Sala ha, però, dichiarato che il Comune non proclamerà il lutto cittadino per rispettare il dolore dei parenti.Funerali del piccolo Leonardo Acquaviva 1-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Si è scambiata un'infezione appena più seria di un'influenza per una pandemia letale"

  • Coronavirus, tutte le scuole di Milano e provincia chiuse: ecco l'elenco dei comuni

  • Milano, primi casi di coronavirus accertati in Lombardia: 38enne ricoverato a Codogno

  • Coronavirus, altro contagio: positivo al virus un 40enne che lavora a Cesano Boscone

  • Coronavirus, primi 2 casi a Milano: contagiati a Sesto e Mediglia, "caccia" al vero paziente 0

  • Coronavirus, sale il numero dei contagiati in Lombardia: sono 47. Due casi nel milanese

Torna su
MilanoToday è in caricamento