Operaio 18enne morto al centro commerciale ad Halloween: indagato il suo datore di lavoro

Il titolare della ditta per cui lavorava la vittima è indagato per omicidio colposo. I fatti

La giovane vittima

C'è un primo indagato per la morte di Andrea Masi, l'operaio 18enne che ha perso la vita alle 4 della notte tra mercoledì e giovedì nel parcheggio del centro commerciale Portello. Il pm Nicola Rossato, che coordina l'inchiesta sull'incidente, ha infatti iscritto nel registro degli indagati il titolare dell'azienda per cui lavorava il giovane: una società che si occupa di installazione di fibra ottica. 

Il reato ipotizzato è omicidio colposo, ma dalla procura sottolineano che si tratta di un atto dovuto per permettere l'autopsia sul corpo del ragazzo. 

Stando a quanto finora ricostruito da polizia e Ats, Andrea era al lavoro proprio sull'impianto della fibra  che è ancorato al soffitto del parcheggio al piano -1 e si trovava su una piattaforma elevatrice manovrata da un collega. L'incidente sarebbe avvenuto quando il macchinario si è avvicinato a un ribassamento poco prima di una porta: il 18enne avrebbe sbattuto con la nuca contro lo stipite superiore e sarebbe caduto a terra già privo di sensi

L'indagine, partita proprio con l'iscrizione del datore di lavoro di Andrea e con la decisione di disporre l'autopsia, proseguiranno poi per verificare eventuali omissioni in materia di sicurezza sul lavoro. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, guardia giurata travolge motociclista, vede che è morto e si spara in testa: il dramma

  • Giovane morto travolto da un treno del metrò: Cassazione condanna l'agente di stazione di Atm

  • Milano, guardia giurata di 26 anni si spara in testa dopo un incidente mortale: chi era Flavio

  • Primark apre un altro negozio milanese: il 4 dicembre inaugura il mega store al Fiordaliso

  • Influencer per sfida in piazza Duomo, torna la seconda volta: identificata con l'autista

  • Sciopero dei mezzi il 28, sciopero generale il 29: treni, metro e bus a rischio per due giorni

Torna su
MilanoToday è in caricamento