Precipita sotto gli occhi degli amici: Paolo, tecnico dello Ieo e volontario, muore a 31 anni

Il dramma mercoledì sul Grignone. Il giovane era volontario della croce verde Pioltello

Paolo - Foto da Facebook

Stava risalendo insieme a due amici il "Canale della Fiamma", sul Grignone, quando qualcosa è andato storto. Forse a causa di un piede messo in fallo, è precipitato per circa 200 metri e il volo dalla parete rocciosa non gli ha lasciato scampo

A perdere la vita, nella mattinata di martedì 4 febbraio, sulle cime del Lecchese, è stato un alpinista brianzolo di trentuno anni: Paolo Carlesi. Il giovane, tecnico radiologico, viveva in Brianza, a Seregno. Il trentunenne, che lavorava allo Ieo di Milano, stava per iniziare una scalata sulla Parete Ovest della Grigna Settentrionale ma è scivolato in un canalone ghiacciato prima di potersi legare agli amici, che hanno assistito impotenti al dramma che si stava consumando sotto i loro occhi.

Sono stati proprio loro a lanciare l'allarme, che ha portato sul posto l'elisoccorso di base a Villa Guardia e i tecnici del Soccorso Alpino. Le operazioni di recupero della salma sono state difficoltose a causa del forte vento che ha spirato nella giornata di martedì.

Esperto e membro del Cai di Milano, Paolo Carlesi da quando aveva venti anni era volontario della Croce Verde di Pioltello e proprio l'associazione ha voluto rivolgere al 31enne un accorato messaggio di cordoglio.

"La squadra di turno questa notte in Croce Verde è una squadra speciale, una squadra composta da 164 persone tra volontari e dipendenti, tutti in simbolico servizio per essere vicini ancora una volta a te carissimo Paolo che oggi ci hai lasciati così improvvisamente e tragicamente - hanno scritto i colleghi in un commosso post su Facebook -. Tutti uniti per esprimere la nostra vicinanza al dolore dei tuoi cari, tutti riconoscenti per quanto hai dato alla nostra, tua, associazione in dieci anni di servizio, tutti per apprezzare ancora una volta il tuo spirito pulito del dono e la tua professionalità che hai sempre dimostrato, tutti in servizio per te che sei rimasto lassù sulla montagna che tanto amavi ma che non perdona, tutti raccolti per sostenerci e colmare il vuoto che c’è dentro di noi, tutti insieme ancora e per sempre… ciao Paolo". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, primi casi di coronavirus accertati in Lombardia: 38enne ricoverato a Codogno

  • Coronavirus, altro contagio: positivo al virus un 40enne che lavora a Cesano Boscone

  • Coronavirus, sale il numero dei contagiati in Lombardia: sono 47. Due casi nel milanese

  • Coronavirus, primi 2 casi a Milano: contagiati a Sesto e Mediglia, "caccia" al vero paziente 0

  • Coronavirus, i casi sono 14: gravissimo un 38enne, in isolamento la moglie e un amico

  • Coronavirus, i contagi in Lombardia salgono a 14: "Dobbiamo contenere il virus in quell'area"

Torna su
MilanoToday è in caricamento