Incidente col parapendio, precipita nel vuoto da 30 metri: morto sul colpo 31enne milanese

L'uomo, da anni residente a Milano, era a Lecco per volare col parapendio. L'accaduto

Foto repertorio

Tragedia domenica pomeriggio sull'Alpe Chiaro, nel Lecchese. Lì, un uomo di trentuno anni - un giovane nato in Toscana ma da anni residente a Milano - è morto dopo essere precipitato nel vuoto con il parapendio. 

Stando a quanto appreso, il 31enne - Lorenzo Bruni, consulente per Deloitte sotto la Madonnina - è andato in difficoltà mentre sorvolava le montagne sopra l'abitato di Vendrogno, andandosi a schiantare terribilmente al suolo da un'altezza di circa trenta metri.

Per lui, che era partito da Milano in mattinata proprio per andare a volare, non c'è stato nulla da fare. I soccorritori, allertati dagli altri appassionati che hanno assistito impotenti all'incidente, non hanno potuto far altro che constatare il suo decesso dopo essere arrivati sul posto con un elicottero.  

La ricostruzione delle cause del dramma è affidata ai carabinieri, che dovranno anche accertare se alla base dello schianto ci sia stato un malfunzionamento delle attrezzature in dotazione al 31enne.

Potrebbe interessarti

  • Come riconoscere l'allergia al nichel?

  • Perchè alcune persone vengono punte dalle zanzare e altre no?

  • Come difendersi dai ladri in casa in estate

  • Come avere labbra carnose ed ottenere un effetto volumizzante

I più letti della settimana

  • Milano, una notte di fuoco in via Palmanova: furioso incendio nel centro commerciale. Foto

  • Sciopero nazionale dei trasporti in arrivo: a Milano a rischio metro, bus, tram, treni e taxi

  • Marco, il ragazzo trovato morto in piscina a Milano: la tragedia dopo un bagno di notte

  • Bimba ha un tumore al cuore: salvata a Milano con il primo intervento con gli ologrammi

  • Follia su un volo Air Italy per Malpensa: uomo impazzisce e aggredisce tutti, aereo costretto a tornare

  • Lavoro, il Comune di Milano assume: aperte 350 posizioni, ecco dove inviare i curriculum

Torna su
MilanoToday è in caricamento