Malato terminale, muore da detenuto: aveva chiesto di morire "da uomo libero"

L'uomo era stato arrestato per rapina e aveva un tumore al polmone con metastasi

5 giorni fa aveva chiesto alla Corte d'Appello di Milano "che con un ultimo gesto di umanità e clemenza gli fosse concesso di morire da uomo libero" e quindi di revocargli la misura cautelare che lo aveva portato in carcere per rapina nell'aprile dell'anno scorso.

Ma lunedì, quando è arrivato il parere favorevole della Procura Generale per la sostituzione del provvedimento con l'obbligo di presentarsi alla polizia giudiziaria, era ormai troppo tardi.

L'uomo, con un tumore ai polmoni allo stadio finale e che si era esteso anche alle ossa, è morto dopo atroci dolori in un letto di rianimazione dell'ospedale San Paolo ancora da detenuto, come riporta Ansa.

A denunciare la vicenda di Giorgio C., in una lettera inviata tra gli altri al ministro della Giustizia Alfonso Bonafede, e al capo del Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria, Francesco Basentini, è stato il suo avvocato, Francesca Brocchi.

Nella missiva, chiede "di approfondire se vi siano state violazioni dei suoi diritti di detenuto e di malato".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Bareggio, trovato morto l'anziano che si era perso in campagna dopo l'incidente

  • Incidente a Trezzano, auto passa col rosso e si schianta con 2 macchine: 12enne gravissimo

  • Ubriaco fradicio alla guida, accosta e ferma i vigili: "Documenti grazie, devo farvi la multa"

  • Sete dopo la pizza? Ecco perchè ti viene

  • Gabriele e Risqi, morti nel tragico schianto in autostrada: la loro auto è finita sotto un tir

  • Milano, tentato suicidio in metro: donna si lancia sui binari della rossa, ferma la M1

Torna su
MilanoToday è in caricamento