Peschiera, ragazzo s'ammazza cadendo da tetto durante rave party

Non ce l'ha fatta il giovane di 23 anni che, lo scorso week-end, è caduto da un lucernario mentre stava partecipando a un rave party a Peschiera. E' morto al Niguarda: le sue condizioni erano gravissime. Donerà gli organi

Matias in una foto sul profilo MySpace

Non ce l'ha fatta il ragazzo di 23 anni, Matias Sperotti, originario della provincia di Como (precisamente di Capiago Intimiano), che è caduto da un lucernario di un capannone in disuso durante un rave party a Peschiera Borromeo, lo scorso week-end.

Troppo gravi si sono rivelati i traumi su tutto il corpo riportati da una caduta, presumibilmente, da un'altezza di 7 metri. Il giovane era ricoverato al Niguarda. La sua famiglia ha autorizzato l'espianto degli organi. Secondo quanto riportato dalle forze dell'ordine, il 23enne, in compagnia di una amica di 22 anni, Francesca S.D., era su un lucernario di un ex cartiera Fabriano nei pressi di Peschiera - e secondo quanto riferito "stavano guardando l'alba" - quando all'improvviso il vetro ha ceduto. Il ragazzo è caduto insieme alla 22enne, anch'ella ferita ma in modo meno grave. 

Il fatto è accaduto nella notte tra l'8 e il 9 ottobre. I carabinieri stavano sgomberando l'"adunata" illegale, quando sono stati avvertiti da altri ragazzi partecipanti al rave che era accaduto qualcosa all'interno dello stabilimento abbandonato. Ancora stretto riserbo sui nomi degli organizzatori della festa e sulle indagini che i militari stanno compiendo per verificare eventuali responsabilità dell'accaduto. A tutti i partecipanti, circa 800 persone, potrebbe essere notificata una denuncia per occupazione e invasione di proprietà privata.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Si è scambiata un'infezione appena più seria di un'influenza per una pandemia letale"

  • Coronavirus, tutte le scuole di Milano e provincia chiuse: ecco l'elenco dei comuni

  • Milano, primi casi di coronavirus accertati in Lombardia: 38enne ricoverato a Codogno

  • Coronavirus, altro contagio: positivo al virus un 40enne che lavora a Cesano Boscone

  • Coronavirus, primi 2 casi a Milano: contagiati a Sesto e Mediglia, "caccia" al vero paziente 0

  • Coronavirus, sale il numero dei contagiati in Lombardia: sono 47. Due casi nel milanese

Torna su
MilanoToday è in caricamento