Natale, Scola: «Gesù luce nel mondo, nessuno di noi è solo»

Le parole del cardinale Angelo Scola alla messa di mezzanotte in Duomo

Scola in Duomo a Natale (foto Incrocinews.it)

«Lasciate che la gioia e la letizia emergano sugli affanni, nelle prove personali e familiari, sulle fatiche sociali, su tutte le situazioni di guerra e di tragico terrorismo, sulla condizione di molti cristiani e uomini di fede». Lo ha auspicato il cardinale di Milano, Angelo Scola, nell'omelia della messa della notte di Natale, che si è celebrata a partire dalle 23.30 del 24 dicembre in un Duomo straordinariamente controllato («siamo venuti in Duomo accettando anche il sacrificio della paura e dei necessari controlli»).

Dopo avere parlato di Gesù come «luce vera che illumina ogni uomo», Scola ha ricordato la sofferenza derivata da «tutti i pericoli esterni e interni a noi e la ferocia che minacciano i nostri giorni, spesso lasciandoci l’impressione di barcollare nel buio», avvertendo che «la luce che è entrata nel mondo» non è «una semplice idea» ma «un bimbo, questo bimbo Gesù, uno come noi, nato da donna, nato sotto la Legge, cioè un uomo a tutti gli effetti».

Una luce che non elimina il dramma dell'esistenza, spiega il cardinale, ma dà la capacità di non fermarsi, non ritirarsi, non cedere. 

«Nessuno di noi è solo. Pensiamo ai quasi cinquemila che non hanno posto per dormire a Milano e non l’avranno nemmeno, forse, questa notte: neppure loro sono soli, perché mille nostre mani si tendono verso queste persone e, anche se siamo inadeguati a rispondere al bisogno, tuttavia ci sentiamo mossi», aggiunge poi, spiegando che «in quella notte a Betlemme si è aperta la strada che ci permette di camminare nella luce vera». 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Scola ha quindi invitato a praticare «condivisione, ospitalità, giustizia e pace, partendo dagli ultimi e abbracciando tutti, chiedendo perdono».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'odissea sul Ryanair: imbarco negato con il biglietto e ragazzo 'abbandonato' in aeroporto

  • Uccide soffocando i suoi due figli gemelli. Aveva scritto sms alla madre: "Non li rivedrai più"

  • Consultori di Milano: indirizzi, orari e numeri utili

  • Dramma allo studentato del Politecnico di Milano: morta Federica, ricercatrice 27enne

  • Milano, ragazza di 27 anni trovata morta in una residenza universitaria del Politecnico

  • Accoltellato mentre cammina nei pressi del Parco Trotter, grave un 30enne all'alba

Torna su
MilanoToday è in caricamento