'Ndrangheta: condanne fino a 20 anni per il clan di Prealpi-Certosa

L'inchiesta aveva visto coinvolti anche un carabiniere, un ex poliziotto e alcuni imprenditori. Uno di questi voleva "infiltrarsi" nel catering del Milan

Un "summit" del clan

Condanne fino a vent'anni di carcere per i presunti membri della cosca Libri - De Stefano - Tegano, legata alla 'ndrangheta e operante nella zona di piazza Prealpi a Milano. Gli imputati sono stati arrestati a dicembre 2014 in seguito all'operazione "Rinnovamento" (Video). La condanna più alta è per Vincenzo Martino, è stato condannato a 20 anni: suo fratello Giulio, arrestato a marzo 2014, è considerato il capo della cosca Libri che operava nella zona Certosa. Un altro dei suoi fratelli (Domenico) è stato condannato a 11 anni e tre mesi. Per Giovanni Deuschit multa di 460 mila euro e condanna a 14 anni e dieci mesi. Alessandro Nucara è stato condannato a 13 anni e sei mesi.

L'OPERAZIONE: 59 ARRESTI

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La cosca si occupava di traffico e spaccio di droga, ma anche di estorsione nei confronti di imprenditori e condizionamento delle forniture di servizi anche attraverso la corruzione di pubblici ufficiali. Tra gli arrestati figuravano anche un ex poliziotto (condannato a due anni e otto mesi di carcere) e un carabiniere, nonché diversi imprenditori. Emblematico il caso di due di questi, entrambi arrestati: uno vantava un credito sull'altro ed entrambi si erano rivolti alla 'ndrangheta per ottenere protezione. Un episodio che si intreccia con il mondo del calcio. Il debitore, infatti, ex gestore del catering dell'Inter, voleva subentrare in quello del Milan e - per questo - la cosca mise a disposizione, stando all'accusa, il carabiniere poi arrestato. Ovviamente sia il Milan sia l'Inter sono totalmente estranee alla vicenda.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'odissea sul Ryanair: imbarco negato con il biglietto e ragazzo 'abbandonato' in aeroporto

  • Uccide soffocando i suoi due figli gemelli. Aveva scritto sms alla madre: "Non li rivedrai più"

  • Consultori di Milano: indirizzi, orari e numeri utili

  • Accoltellato mentre cammina nei pressi del Parco Trotter, grave un 30enne all'alba

  • Omicidio in via Trilussa a Milano, sale dal vicino nel cuore della notte e lo uccide

  • Elena e Diego, i gemellini milanesi uccisi dal loro papà: ecco le prime verità dell'autopsia

Torna su
MilanoToday è in caricamento