Obbligo catene a bordo, al via il conto alla rovescia: impazza la polemica

Dal 15 novembre al 30 marzo gli automobilisti dovranno dotarsi di gomme o catene per la neve. Adeguare le proprie auto al provvedimento costa e secondo i diretti interessati non serve alla sicurezza dei cittadini

Dal 15 novembre entra in vigore l’ordinanza provinciale che obbliga tutti i veicoli ad essere dotati di gomme idonee alla marcia su neve o ghiaccio o di catene. Chi non rispetterà tale obbligo dovrà pagare una sanzione di 78 euro e, nei casi ritenuti più gravi – quando cioè la violazione comporta ripercussioni sulla viabilità, – gli agenti che rilevano l’infrazione possono anche aggiungere la sanzione accessoria della sottrazione di punti dalla patente.

Gli automobilisti non hanno preso bene il provvedimento e sul web impazza la polemica. In particolare ad essere stato preso d'assalto è il forum dell'edizione milanese del Corriere della Sera. Gli automobilisti pensano che l'ordinanza più che avere come fine la sicurezza dei cittadini sia soltanto unio strumento per introdurre una nuova tassa che servirà a  far arricchire i gommisti e i grandi ipermercati. La spesa per adeguare le proprie auto alla normativa va, infatti, da 50 euro ai mille euro.

A far nascere queste perplessità anche il fatto che le nevicate non sono poi così frequenti nella provincia milanese. Contro il provvedimento sin dall'inizio anche la provincia di Monza che non lo ha adottato.

 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Ovest: motociclista tamponato finisce oltre il guard rail e viene travolto, morto

  • Milanese "razzista" e "salviniana" non affitta ai "meridionali": l'audio diventa virale

  • Milano, grosso incendio in Stazione Centrale: a fuoco un'area dove si rifugiano i clochard

  • Milano, la velina Giulia Calcaterra in ospedale: “Un batterio mi ha bucato il malleolo”. Le foto

  • Uomo trovato impiccato a un albero in un parco di Milano. Indaga la scientifica

  • Milano, paura in un cantiere a City Life: gru precipita dal 29° piano della Torre Libeskind

Torna su
MilanoToday è in caricamento