Alloggio occupato: distrutta completamente la porta, ne mettono una blindata

Si è "consolidata" l'occupazione a San Siro di sabato 18 marzo sfondando completamente la porta con la motosega. Per un paio di giorni non esisteva più la porta, ora gli occupanti ne hanno messa una blindata

La porta completamente distrutta, ora sostituita da una porta blindata

Si è "consolidata" l'occupazione abusiva di sabato 18 marzo in via Abbiati 6 a Milano, nel quartiere Aler di San Siro. In quella occasione, gli occupanti - e i loro "aiutanti", molto probabilmente mandati dal racket - avevano sfondato la lastra con la sega elettrica, distruggendo completamente l'ingresso dell'alloggio e facendo anche un rumore assordante che aveva svegliato molti inquilini nella scala.

Lunedì 20 sono tornate le forze dell'ordine, che erano arrivate sul posto anche durante l'occupazione, ma l'intervento si è risolto in un nulla di fatto: la famiglia (composta da una donna anziana, marito, moglie in gravidanza e una bambina) è rimasta nell'appartamento, dopo avere installato una porta blindata.

Secondo le testimonianze di alcuni residenti, non si sarebbero invece presentati gli assistenti sociali del Comune, a cui compete (secondo il protocollo firmato in prefettura nell'autunno del 2014) di trovare sistemazioni alternative laddove esistano situazioni particolarmente fragili, come i minori e/o le donne in gravidanza.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Ovest: motociclista tamponato finisce oltre il guard rail e viene travolto, morto

  • Milanese "razzista" e "salviniana" non affitta ai "meridionali": l'audio diventa virale

  • Milano, militare pugnalato alla gola in Stazione Centrale da un passante che urla "Allah akbar"

  • Milano, tenta di incassare il gratta e vinci rubato: beccato, in casa ne aveva altri 600

  • Milano, fumo nero e puzza di bruciato da Spontini in via Marghera: arrivano i pompieri

  • Sciopero venerdì 27 setttembre, a Milano si fermano per 24 ore i mezzi Atm: orari di metro

Torna su
MilanoToday è in caricamento