Omicidio di camorra a Caserta: arrestati tre membri del clan dei Casalesi, anche a Milano

I carabinieri di Caserta hanno fatto importanti passi avanti sull'omicidio di Antonio Bamundo

Immagine di repertorio

I carabinieri di Caserta hanno fatto importanti passi avanti sull'omicidio di Antonio Bamundo, ucciso nel 2000, a quarantacinque anni, sotto gli occhi nel nipotino, che aveva otto anni, nel suo distributore di carburante lungo la strada provinciale tra Casapesenna e San Marcellino, in provincia di Caserta.

Omicidio, detenzione e porto illegale di armi, con l'aggravante del metodo mafioso, sono queste le accuse per tre uomini affiliati al 'clan dei Casalesi'.

Il provvedimento di custodia è stato firmato dal gip di Napoli. Le indagini sono state condotte dai carabinieri del Nucleo investigativo di Caserta. I militari hanno eseguito gli arresti a Benevento e a Milano. Gli accertamenti sono stati coordinati dalla Dda. 

Bamundo era ritenuto affiliato al clan camorristico capeggiato da Vincenzo Zagaria.
 

Potrebbe interessarti

  • Come riconoscere l'allergia al nichel?

  • Perchè alcune persone vengono punte dalle zanzare e altre no?

  • Come difendersi dai ladri in casa in estate

  • Come lavare i cuscini del divano

I più letti della settimana

  • Milano, una notte di fuoco in via Palmanova: furioso incendio nel centro commerciale. Foto

  • Sciopero nazionale dei trasporti in arrivo: a Milano a rischio metro, bus, tram, treni e taxi

  • Marco, il ragazzo trovato morto in piscina a Milano: la tragedia dopo un bagno di notte

  • Bimba ha un tumore al cuore: salvata a Milano con il primo intervento con gli ologrammi

  • Follia su un volo Air Italy per Malpensa: uomo impazzisce e aggredisce tutti, aereo costretto a tornare

  • Lavoro, il Comune di Milano assume: aperte 350 posizioni, ecco dove inviare i curriculum

Torna su
MilanoToday è in caricamento