Omicidio cileno, la difesa: "Assurda la volontà di uccidere"

"Trovo assurdo solo ipotizzare il dolo diretto, la volontà di uccidere". E' quanto ha detto Gian Piero Biancolella a margine dell'udienza preliminare davanti al gup Stefania Donadeo durante la quale il pubblico ministero Roberto Pellicano

"Trovo assurdo solo ipotizzare il dolo diretto, la volontà di uccidere". E' quanto ha detto Gian Piero Biancolella a margine dell'udienza preliminare davanti al gup Stefania Donadeo durante la quale il pubblico ministero Roberto Pellicano ha chiesto 14 anni per il suo assistito, il vigile Alessandro Amigoni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'agente di polizia locale che lo scorso 13 febbraio sparò durante un inseguimento e uccise un cileno di 28 anni è accusato di omicidio volontario.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'odissea sul Ryanair: imbarco negato con il biglietto e ragazzo 'abbandonato' in aeroporto

  • Uccide soffocando i suoi due figli gemelli. Aveva scritto sms alla madre: "Non li rivedrai più"

  • Consultori di Milano: indirizzi, orari e numeri utili

  • Accoltellato mentre cammina nei pressi del Parco Trotter, grave un 30enne all'alba

  • Omicidio in via Trilussa a Milano, sale dal vicino nel cuore della notte e lo uccide

  • Elena e Diego, i gemellini milanesi uccisi dal loro papà: ecco le prime verità dell'autopsia

Torna su
MilanoToday è in caricamento