Omicidio a Tavazzano, 29enne ucciso a colpi di pistola per gelosia: fermato il cugino

L'omicidio si è consumato nella mattinata di domenica 11 agosto nel lodigiano

È stato fermato a Milano, a casa della sorella, il presunto killer che avrebbe ucciso a colpi di pistola Amato di Paola (29 anni) all'alba di domenica 11 agosto a Tavazzano (Lodi). In manette una guardia giurata di 40 anni: Sebastian Ganci, originario di Cerignola ma residente a Tavazzano, cugino della vittima. Alla base dell'omicidio ci sarebbe una forte gelosia per una ragazza romena di 17 anni che Ganci frequentava da alcuni mesi.

L'omicidio sulla porta di casa

Tutto è accaduto intorno alle 6.20 in via Giuseppe Di Vittorio, al terzo piano di un'ex palazzina Aler. La vittima è stata raggiunta da tre colpi di arma da fuoco: due proiettili all'addome e uno alla fronte. E secondo gli investigatori a sparare sarebbe stato il cugino con l'arma di ordinanza.

Il presunto killer è poi saltato in macchina insieme alla ragazza e ha imboccato l'autostrada A1. La giovane ha chiesto di lasciarla andare all'altezza di Casalpusterlengo e lui l'ha abbandonata all'autogrill di Somaglia prima di andare a casa della sorella a Milano. E sarebbe stata proprio la sorella a chiamare il 112 e chiedere l'intervento della polizia dicendo che il fratello aveva fatto "una cazzata".

Gli agenti della Questura di Milano hanno trovato Ganci all'interno dell'appartamento in stato confusionale e lo hanno fermato. Ora si trova in carcere a Milano, fortemente indiziato di omicidio.  Sul caso stanno indagando i carabinieri della compagnia di Lodi insieme alla polizia di Milano, diretti dalle procure di Lodi e Milano.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La rivalità tra cugini e l'omicidio

Di Paola era a Tavazzano da pochi giorni: era arrivato dalla Puglia per passare qualche giorno con il cugino. E in questi giorni potrebbe essere scattato qualcosa tra lui e la 17enne che Ganci frequentava da alcuni mesi, innescando la furibonda reazione. La giovane è stata ascoltata dai detective come testimone diretta della tragedia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'allarme dei medici di Milano: "Prepararsi a stagione influenzale o sarà crisi"

  • Milano, folle abbandona la mamma sull'A7, poi picchia un tranviere e si mette a guidare il tram

  • Covid, nuova ordinanza sulle mascherine in Lombardia: quando è obbligatoria, quando no

  • Orrore a Milano, stuprata in pieno giorno sul Monte Stella: indaga la polizia

  • Accoltellato sull'autobus a Milano, 23enne gravissimo in ospedale

  • Follia alla Darsena: due ragazzi gettano in acqua un venditore di rose e poi scappano

Torna su
MilanoToday è in caricamento