Omicidio a Milano, bimbo ucciso di botte in casa: lividi e ferite sul corpo, il padre confessa

L'uomo, un 25enne croato, è stato fermato dalla polizia nella tarda mattinata di mercoledì

La casa dell'omicidio e l'uomo fermato

Aljica Hrustic, il 25enne nato a Firenze ma croato di origine, padre del piccolo Memhed, il bimbo di due anni trovato morto mercoledì mattina in un appartamento al piano terra del condominio al civico 22 di via Ricciarelli in zona San Siro, ha confessato il delitto. Fermato qualche ora dopo dalla polizia in zona Giambellino, davanti agli investigatori della squadra mobile e al pm Giovanna Cavalleri ha ammesso di avere ucciso il figlio «in un momento di rabbia» nel corso della notte.

L'uomo, in stato di fermo per omicidio volontario dopo la confessione, ha raccontato di avere fumato hashish la sera precedente e di non essere riuscito ad addormentarsi per tutta la notte; quindi - ha dichiarato - ha picchiato con violenza il piccolo Memhed fino a ucciderlo.

La polizia lo ha bloccato nella tarda mattinata in zona Giambellino, dove era scappato portando con sé altre due figlie ora affidate ai servizi sociali. Gli agenti erano sulle sue tracce dalle 6, quando al 112 è arrivata una richiesta d'aiuto - fatta proprio dal giovane - per un bimbo che stava male. 

Al loro arrivo sul posto, medici del 118 e poliziotti non hanno potuto far altro che constatare la morte del piccolo. Il bimbo, nato a Milano il 6 gennaio del 2017, era disteso di fianco su un divano e presentava diversi lividi sul corpo e una ferita alla testa, oltre ad avere i piedi fasciati probabilmente per dei tagli che si era procurato nei giorni scorsi. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In casa - un'abitazione Aler che la famiglia occupava da un paio di mesi - gli investigatori dell'Upg e della Squadra Mobile hanno trovato soltanto la madre di Memhed, Silvjia, una croata di ventitré anni al quinto mese di gravidanza. La donna, portata in Questura e ascoltata a lungo, ha subito raccontato che il papà - che ha precedenti per ricettazione - aveva picchiato il piccolo, aveva dato l'allarme ed era fuggito. La caccia all'uomo ha dato i suoi risultati poco dopo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, 'paziente covid positivo' attraversa la città con flebo e ossigeno: la performance

  • Milano, 15 volanti danno la caccia a un uomo: il folle inseguimento finisce in Buenos Aires

  • Incidente a Carpiano, scontro tra due auto piene di bambini: bimba di 7 mesi grave

  • Milano, ancora spari in via Creta: ragazzo di 32 anni gambizzato durante la notte, le indagini

  • Maltempo a Milano, violenta grandinata nel pomeriggio di venerdì: diversi allagamenti

  • Fanno esplodere la banca e scappano verso un campo rom: il bottino era di 60mila euro

Torna su
MilanoToday è in caricamento