Omicidio clochard in via Lattanzio: chiesti 6 anni per l'uomo che lo pestò

Il colpevole è un altro indigente

Palazzo abbandonato in via Lattanzia

Picchiò a calci, pugni e bastonate sulla schiena il clochard che poi morì precipitando dal quarto piano del palazzo abbandonato di via Lattanzio. Per lui sono stati chiesti sei anni di pena. L'imputato, A.Z., a sua volta un senzatetto, è accusato di omicidio preterintenzionale per aver pestato  dopo un violento diverbio Massimo Metta, il 43enne deceduto.

Video: il "palazzo della morte"

"Lo gnomo", alias A.Z., la notte della tragedia, avvenuta nel 2016, si era recato nello stabile di via Lattanzio per passarvi la notte. Il palazzo, infatti, era un riparo utilizzato da molti clochard, tossicodipendenti e alcolisti. L'uomo all'epoca era uscito di galera da meno di una settimana.

Quando Metta morì inizialmente si parlò di un suicidio, ma poi fu chiaro che le cose erano andate diversamente. Tra Metta e A.Z. infatti ce'ra stato un litigio e un pestaggio ai danni del primo, più debole dell'altro fisicamente. La vittima, poi, era scesa per le scale da sola, barcollando, ed era precipitata rovinosamente a terra.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente a Cesano, travolta da un bus Atm mentre attraversa sulle strisce: è grave

  • Milano, turista sequestrata e violentata dentro un McDonald's: le fratturano anche il naso

  • Metro linea gialla M3: uomo perde la vita, circolazione bloccata

  • Milano, mega incendio in una palazzina in via Della Torre: 50 evacuati, due bimbi in ospedale

  • La procura sequestra il Villaggio di Natale a Milano: a rischio l'apertura del mega parco

  • La Dea bendata bacia il Milanese: vincita record con il concorso di sabato del Lotto

Torna su
MilanoToday è in caricamento