Omicidio clochard in via Lattanzio: chiesti 6 anni per l'uomo che lo pestò

Il colpevole è un altro indigente

Palazzo abbandonato in via Lattanzia

Picchiò a calci, pugni e bastonate sulla schiena il clochard che poi morì precipitando dal quarto piano del palazzo abbandonato di via Lattanzio. Per lui sono stati chiesti sei anni di pena. L'imputato, A.Z., a sua volta un senzatetto, è accusato di omicidio preterintenzionale per aver pestato  dopo un violento diverbio Massimo Metta, il 43enne deceduto.

Video: il "palazzo della morte"

"Lo gnomo", alias A.Z., la notte della tragedia, avvenuta nel 2016, si era recato nello stabile di via Lattanzio per passarvi la notte. Il palazzo, infatti, era un riparo utilizzato da molti clochard, tossicodipendenti e alcolisti. L'uomo all'epoca era uscito di galera da meno di una settimana.

Quando Metta morì inizialmente si parlò di un suicidio, ma poi fu chiaro che le cose erano andate diversamente. Tra Metta e A.Z. infatti ce'ra stato un litigio e un pestaggio ai danni del primo, più debole dell'altro fisicamente. La vittima, poi, era scesa per le scale da sola, barcollando, ed era precipitata rovinosamente a terra.

Potrebbe interessarti

  • Schiamazzi e lite furibonda all'una di notte in strada

  • Perchè è importante cambiare le lenzuola del letto

  • Pulizia della lavastoviglie: tutti i consigli utili

  • Come svegliarsi bene la mattina: 6 consigli pratici

I più letti della settimana

  • Follia sul bus a Milano, autista picchiato a sangue: la foto denuncia dell'occhio tumefatto

  • Milano, polizia locale in lutto: morta Stefania, vigilessa di 40 anni della centrale operativa

  • Assorbenti, coppette mestruali e sex toys: a Milano il primo negozio dedicato alla vagina

  • Incidente sulla Tangenziale Est: coinvolto pure un bimbo di 4 anni, c'è l'elisoccorso. Video

  • Forti temporali in arrivo a Milano: la protezione civile emana l'allerta meteo codice giallo

  • Incendio in ditta di vernici e solventi: quattro feriti

Torna su
MilanoToday è in caricamento