Rastrelliera gli cade in testa e gli spacca il cranio: morto un operaio di ventotto anni

Il drammatico incidente è avvenuto nella "De Lucchi spa", azienda di Trezzano Rosa che opera nel settore della zincatura a caldo. Il ragazzo aveva un contratto di solo un mese

Per l'uomo non c'è stato nulla da fare - Foto repertorio

Il colpo, di una violenza impressionante, lo ha ucciso all’istante. Il suo cranio ha ceduto sotto il peso di quella rastrelliera che gli è caduta in testa, uccidendolo. Strappandolo alla vita in quella fabbrica in cui era entrato tre settimane fa, come lavoratore interinale, e dalla quale sarebbe uscito - forse per l'ultima volta - mercoledì prossimo, quando il suo contratto di un mese sarebbe scaduto. 

Dramma mercoledì mattina nella “De Lucchi spa”, azienda di Trezzano Rosa che opera nel settore della zincatura a caldo, teatro della morte di un operaio di ventotto anni, deceduto in un tragico incidente sul lavoro. 

Poco dopo le otto e trenta, la vittima - secondo una prima ricostruzione dei soccorritori intervenuti sul posto - è stata colpita alla testa da una pesante rastrelliera, circa diciassette quintali di peso, che si è staccata da un carro ponte ad un altezza di tre metri e gli ha letteralmente sfondato il cranio.

Il 118 ha immediatamente mandato sul posto un’ambulanza e un’auto medica e la scena che si è presentata agli occhi dei soccorritori è stata drammatica con il ventottenne, la cui identità non è ancora stata resa nota, che presentava uno “sfondamento del cranio. 

I medici, purtroppo, non hanno potuto fare altro che constatare il decesso dell’operaio, residente a Verdello, nel bergamasco. 

Da brividi le parole di un collega della vittima, tra i primi a prestare soccorso al ventottenne. “Io ero in un altro reparto – ha raccontato l'operaio, alla De Lucchi da trenta anni, al sindacato Cisl -, ho sentito delle urla e sono subito corso. In quel momento nel reparto dell’incidente erano al lavoro una decina di persone. Il giovane era a terra, con un altro collega ho cercato di praticargli il massaggio cardiaco, ma è stato inutile. Aveva la testa fracassata. Mi è morto tra le mani”.

Parole d'accusa, invece, quelle della Fiom Cgil: "E’ indecente che in una fabbrica “pesante” come una zincheria a caldo si mettano al lavoro giovani senza alcuna esperienza, senza alcuna formazione, assunti per pochi giorni e poi sostituiti da altri - si legge in una nota del sindacato -. In questa “giostra” all’abbattimento dei costi, che in questo paese hanno reso possibile, sono alte le possibilità di farsi male o di morire". Come purtroppo è accaduto mercoledì mattina. 

Nella fabbrica di Trezzano Rosa, poco dopo il dramma, sono intervenuti anche i vigili del paese del nordest milanese e i carabinieri di Vimercate: a loro spetterà il compito di ricostruire i contorni e la dinamica del tragico incidente sul lavoro. 
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, 'paziente covid positivo' attraversa la città con flebo e ossigeno: la performance

  • Milano, 15 volanti danno la caccia a un uomo: il folle inseguimento finisce in Buenos Aires

  • Incidente a Carpiano, scontro tra due auto piene di bambini: bimba di 7 mesi grave

  • Milano, ancora spari in via Creta: ragazzo di 32 anni gambizzato durante la notte, le indagini

  • Maltempo a Milano, violenta grandinata nel pomeriggio di venerdì: diversi allagamenti

  • Fanno esplodere la banca e scappano verso un campo rom: il bottino era di 60mila euro

Torna su
MilanoToday è in caricamento