Ruba un ricettario e fa scorta di ossicodone, oppiaceo 4 volte più forte della morfina: preso

In manette un 39enne, fermato in una farmacia di Monza. Il furto del ricettario a Cinisello

I carabinieri lo hanno sorpreso con le mani "nel sacco", proprio mentre ritirava il suo bottino. Un uomo di trentanove anni, un cittadino egiziano senza fissa dimora e irregolare in Italia, è stato sottoposto a fermo di indiziato di delitto dai carabinieri di Monza con le accuse di ricettazione e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. 

I militari, allertato dal responsabile dell'ordine dei farmacisti monzesi, è stato fermato all'interno di una farmacia mentre ritirava sei confezioni di medicine composte da "ossicodone cloridrato". Le 168 pasticche, spiegano gli stessi militari, era "verosimilmente destinate al mercato nero", anche perché l'oppiaceo che si ricava dall'ossicodone ha una "natura narcotica quattro volte maggiore della morfine e dieci volte del metadone". 

Il 39enne, stando a quanto riferito dai carabinieri, era riuscito a ordinare i farmaci grazie a delle false prescrizioni che lui stesso aveva creato su un ricettario rubato nell'ottobre del 2018 in un ambulatorio di Cinisello Balsamo. Quando i militari lo hanno fermato, lo spacciatore era proprio in possesso di tre ricette. 
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, militare pugnalato alla gola in Stazione Centrale da un passante che urla "Allah akbar"

  • Milano, tenta di incassare il gratta e vinci rubato: beccato, in casa ne aveva altri 600

  • Milano, fumo nero e puzza di bruciato da Spontini in via Marghera: arrivano i pompieri

  • Sciopero venerdì 27 setttembre, a Milano si fermano per 24 ore i mezzi Atm: orari di metro

  • Esplosione nella fabbrica di cannabis light: fiamme alte 10 metri, feriti padre e due figli

  • "Ritrovo di pregiudicati", la questura chiude tre bar di zona Certosa

Torna su
MilanoToday è in caricamento