Milano, dose di eroina alle 6.40 del mattino: uomo in overdose al boschetto di Rogoredo

A dare l'allarme sono stati alcuni uomini che erano all'interno del parco. L'accaduto

Foto repertorio

La telefonata, anonima, al 112 è arrivata alle 6.37. E proprio quella telefonata gli ha salvato la vita. Tragedia sfiorata lunedì mattina al boschetto della droga di Rogoredo, dove un uomo di trentuno anni - un cittadino indiano - ha rischiato di morire a causa di un'overdose di eroina. 

Il 31enne, che ha problemi conclamati di tossicodipendenza, è stato accompagnato in via Sant'Arialdo - subito fuori dal parco - da alcuni tossicodipendenti che si trovavano insieme a lui nell'area verde. Lì, dopo una richiesta d'aiuto al 112, è stato soccorso dagli equipaggi di un'ambulanza e un'auto medica del 118. 

L'uomo è stato "trattato" sul posto dai sanitari e dai carabinieri ed è poi stato portato in ospedale al San Paolo. Lì, dove è stato ricoverato in codice giallo, i medici hanno continuato le cure e fortunatamente il 31enne è fuori pericolo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, tutte le scuole di Milano e provincia chiuse: ecco l'elenco dei comuni

  • "Si è scambiata un'infezione appena più seria di un'influenza per una pandemia letale"

  • Milano, primi casi di coronavirus accertati in Lombardia: 38enne ricoverato a Codogno

  • Coronavirus, altro contagio: positivo al virus un 40enne che lavora a Cesano Boscone

  • Coronavirus, primi 2 casi a Milano: contagiati a Sesto e Mediglia, "caccia" al vero paziente 0

  • Coronavirus, sale il numero dei contagiati in Lombardia: sono 47. Due casi nel milanese

Torna su
MilanoToday è in caricamento