Malpensa, fagioli scambiati per ovuli di coca: brutta disavventura per un turista brasiliano

È successo nei giorni scorsi nello scalo milanese, l'uomo è stato liberato con tante scuse

Immagine repertorio

Aveva mangiato fagioli ma quando è atterrato a Malpensa credevano che avesse in pancia degli ovuli di cocaina. Brutta disavventura quella capitata a un cittadino brasiliano arrivato nello scalo milanese: trattenuto per diverse ore e una volta chiarita la sua posizione liberato con tante scuse dai giudici del tribunale di Busto Arsizio.

I primi sospetti sono nati durante il controllo alla dogana:  l'uomo, molto nervoso, aveva un biglietto di ritorno una settimana, un bagaglio da stiva senza vestiti, nessun parente ad attenderlo e il cugino che avrebbe dovuto ospitarlo non rispondeva alle sue chiamate. Non solo: l'indirizzo dove doveva recarsi (a Monza) era inesistente. Per questo è stato sottoposto a una radiografia e durante l'accertamento i tecnici avevano trovato nell'intestino dei corpi estranei a forma di ovulo della grandezza di un centimetro. 

Proprio per questo motivo era stato fermato in attesa che il contenuto del suo intestino venisse espulso. La sorpresa la mattina dopo quando la radiografia non mostrava più nessuna traccia di "ovuli" e l'esame delle feci ha dimostrato che si trattava di fagioli. Il turista è stato liberato, con tanto di scuse da parte dei giudici.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, militare pugnalato alla gola in Stazione Centrale da un passante che urla "Allah akbar"

  • Milano, tenta di incassare il gratta e vinci rubato: beccato, in casa ne aveva altri 600

  • Milano, fumo nero e puzza di bruciato da Spontini in via Marghera: arrivano i pompieri

  • Sciopero venerdì 27 setttembre, a Milano si fermano per 24 ore i mezzi Atm: orari di metro

  • "Ritrovo di pregiudicati", la questura chiude tre bar di zona Certosa

  • Incidente sull'A4, camion ribaltato in mezzo alla carreggiata: sei chilometri di coda

Torna su
MilanoToday è in caricamento