Altra parata "nera" al Maggiore: i neofascisti si danno appuntamento il 1 novembre a Milano

Insorge l'Anpi: "Istituzioni e autorità intervengano". Organizzata una contro manifestazione

La parata dell'aprile 2017

Di nuovo lì. Di nuovo il 1 novembre. La galassia neofascista di Milano - con in testa Lealtà e Azione e associazione nazionale arditi d'Italia - ha organizzato per giovedì 1 novembre una manifestazione di ricordo per - recita testualmente "l'invito" - tutti i caduti morti per la patria. 

L'appuntamento, come sempre, è alle 10 al campo X del cimitero Maggiore, dove sono sepolti tanti ex repubblichini. L'evento, inevitabilmente, ha fatto infuriare l'Anpi, che ha subito protestato. "Mentre il Parlamento Europeo ha approvato una risoluzione con la quale si chiede a tutti i governi di mettere al bando le organizzazioni che si richiamano al fascismo e al nazismo, nel nostro Paese si consente alle organizzazioni neofasciste di promuovere iniziative e di manifestare liberamente - le parole di Roberto Cenati, presidente della costola milanese di Anpi -. Chiediamo alle istituzioni e alle autorità competenti di intervenire e di fare il possibile per impedire che la nostra città venga nuovamente sfregiata da una parata nazifascista che offende le tradizioni antifasciste e democratiche di Milano". 

Foto - Il volantino per il 1 novembre

volantino 1 novembre campo X-2

"Abbiamo più volte ricordato che la morte rende tutti uguali - ha spiegato Cenati -, ma in vita i combattenti per la libertà hanno lottato contro l'oppressione nazifascista, mentre i repubblichini hanno collaborato con i nazifascisti nella denuncia, nella cattura, nella fucilazione di partigiani, oppositori politici, ebrei, lavoratori protagonisti del grande sciopero generale del marzo 1944. Se avessero prevalso i nazifascisti, la libertà e la democrazia non sarebbero state riconquistate nel nostro Paese".

E l'Anpi ha intenzione di rispondere anche "sul campo". Per il 31 ottobre, sempre alle ore 10, è stata infatti organizzata una manifestazione al campo della Gloria dello stesso cimitero per "rendere onore ai combattenti per la Libertà, agli oppositori politici al regime fascista, agli ebrei milanesi, ai lavoratori, ai militari deportati nei lager nazisti, che vi sono sepolti".

I precedenti al campo X

Non è la prima volta che il Maggiore diventa teatro di vere e proprie parate, che si solito si svolgono a inizio novembre e a fine aprile, poco lontano dalla Festa per la liberazione.

La prova di forza più grande della destra meneghina era andata in scena il 29 aprile 2017, quando oltre mille persone avevano sfilato al cimitero per poi fare il saluto romano, tanto che la procura aveva indagato una settantina di persone per manifestazione fascista.

Lo scorso anno, invece, ad aprile la parata era stata vietata e al 1 novembre "nero" avevano partecipato circa trenta reduci

 
 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (30)

  • la cassazione non è un organo che legifera. la cassazione emette delle sentenze che non fanno precedente. quindi la cassazione può dire e fare quello che vuole senza intaccare minimamente le leggi nazionali. se vi appellate alla legalità per qualsiasi cosa immagino che debba valere pure per questo.

  • Una volta che la cassazione ha stabilito che il saluto romano (che nonostante il nome non fu in uso coi romani, ma fu prerogativa degli arditi, comunque pre fascismo) non è reato durante le commemorazione, cosa dobbiamo segnalare? Che si stanno ricordando dei morti in modo ordinato e senza incidenti o danneggiamenti? Morti, che al campo 10 sono in maggior parte dopo la fine della guerra, ovvero uccisi a sangue freddo dai democratici (invito a leggere le date del decesso sulle tombe)

  • Ricordare i defunti, dovrebbe essere un atto dovuto. Ci si indigna, quando viene ricordato il saluto al fautore dei tantissimi morti italiani caduti per incompetenza e megalomania del duce. Mussolini è stato il personaggio storico italiano che più di tutti e nessuno come lui, ha umiliato l'Italia e gli italiani a livello mondiale. Totale incompetenza militare e politica. Ma noi oggi, la storia la conosciamo, non abbiamo scuse come i padri dei nostri padri, per lo più ignoranti e analfabeti... Per questo ci si indigna!! Ricordiamoli i ns. morti...Tutti! Caduti per mano sua... ecco perché il saluto è ingrato e da ignoranti! Gli stessi suoi militari, se avessero potuto... la mano l'avrebbero alzata in altro modo! I soldati mandati a colonizzare? Mentre oltreoceano erano pronti a sganciare la bomba atomica (orrore!), gli italiani in Africa combattevano a cavallo per mancanza di carburante.... ha assassinato tutti!

  • Ci sono ancora dei poveretti che si preoccupano di chi alza un braccio per un saluto....e non vedono lo schifo e lo sfascio che hanno incancrenito questo paese in 70 anni. ridicoli patetici e penosi

  • se sono caduti un motivo ci sarà.Morte al fascio

  • Mah... Sotto il Fascismo ci sono stati bruttissimi episodi... Sotto il comunismo lo stesso... Sotto la Chiesa idem... A prescindere dalle ideologie, mo viene da far notare una cosa: ogni anno si ripete questa "manifestazione che induce al ricordo della violenza" ecc ecc, ma sbaglio o in questa parata al Maggiore dai partecipanti non ne è mai scaturita nessuna rivolta o protesta o corteo "distruttivo"... Non ricordo di aver sentito o letto di auto sfasciate, vetrine sfondate, muri imbrattati... Possibile che in Italia sia possibile fare di tutto per " democrazia" ma quando si tratta di una qualsiasi iniziativa (criticabile o meno) ma indubbiamente relativamente innocua nello svolgimento si scateni la pubblica indignazione? Dovremmo allora smettere di venerare alcuni pontefici oggi Santi che, in vita, hanno commesso degli "errori", dalle Crociate alla copertura di atti di atti di pedofilia... Magari sbaglio, ma mi viene spontaneo fare questo tipo di riflessioni ;-)

    • Chiedo venia per errori di scrittura e sviste: "quando si tratta di qualsiasi manifestazione ascrivibile alla destra" eccetera

      • pensiero pienamente condivisibile Cesare. E così dovrebbe essere in democrazia

      • Devo dire che sono d'accordo. Ogni ideologia a mio avviso è lecita se non crea violenza, così come non è lecita la violenza in nome di presunte buone ideologie.

        • ma scusate, come può un'ideologia basata sulla supremazia razziale, sull'olio di ricino, sulla violenza squadrista etc etc non essere violenta? queste persone rivendicano le stragi dei campi di concentramento, le deportazioni dai disabili ai prigionieri politici passando per gli ebrei, la guerra più inutile e sanguinosa del mondo (che paghiamo ancora adesso nelle accise della benzina) attraverso adunate che replicano quegli immaginari. come fate a dire che non c'è violenza? ah giusto per voi violenza sono delle vetrine rotte... per voi un contratto a scadenza di 6 mesi con affitto da 800 euro al mese da pagare invece non lo è. ovvio

          • È esattamente quello che ho scritto nel mio messaggio. Non vedo per quale motivo per esempio io non dovrei poter essere omofobo e razzista se queste mie idee restano idee e non sfociano in nessun tipo di azione. Così come invece per me è deprecabile andare in manifestazione contro il razzismo e l'omofobia e farlo in maniera violenta. Per me contano le azioni, non le ideologie.

  • a me sembra normale. i nostri figli la studieranno. è storia

    • esatto, studieranno come dei giovani ribelli presero sta gente e la appesero a testa in giù

  • Concordo con Domenico

  • Io invece voglio la parata per L impero romano è L imperatore Giulio Cesare ????????????????

  • col nazismo collaborò pure la chiesa, è poi diciamola tutta il saluto romano altro non è che l'ave Cesare dell'antica Roma

    • anche la Svastica è un simbolo indiano preso dal Nazismo se per questo.

  • Domenico tutto quello che vuoi, ma rappresentano degli assassini, tolleranza per tutti, ma questi no

    • Loreno...pensavo ti fossi impiccato ma vedo,con mio grande disappunto, che vegeti inutilmente su questo pianeta.!!

    • Invece gli spacca tutto dei centri sociali nei loro cortei rappresentano i valori... tolleranza per tutti ma per i centri sociali manganellate

  • Ogni manifestazione di “fascista” è uno scandalo invece ogni manifestazione “comunista” è sempre giusta però sempre con città devastate a spese dei cittadini! In quel caso l’ANPI non risponde mai!!!

    • Io X Giulio Cesare faccio parata chi viene?

      • Io vengo anche se la fai per Nerone!

  • Brave persone i fascisti, hanno ucciso milioni di italiani con le loro follie, solo chi non sa può difenderli, l'ignoranza é complice di misfatti incancellabili

    • I comunisti invece sono santi .... leva il paraocchi

      • in Italia i comunisti sono grandi vedi Gramsci,Berlinguer,Pio Latorre per citarne solo qualcuno.

        • E un certo Moranino, precursore dei BR. Documentati.

    • infatti vorrei anche manifestazioni a favore dei mafiosi sennò non è democratico come dicono i fascisti di mer.da

  • loro possono manifestare, distruggere tutto e nessuno dice niente. ogni nostro incontro/Evento/manifestazione viene criminalizzato....ma loro sono i democratici. fottetevi✋✋✋✋✋✋✋

    • si, loro si, e voi NO. Ed è dimostrato dalla storia.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Violenta rapina a Milano: nella gang c'è una ragazzina armata che poi spara ad un amico

  • Certosa

    Rapinava le donne sole alle fermate degli autobus: arrestato il 'terrore' delle ragazze

  • Cronaca

    Ragazzino preso a calci e coltellate per una donna dai latinos: il video del tentato omicidio

  • Cronaca

    Città Studi, palazzo evacuato per fuga di gas: paura tra i condomini

I più letti della settimana

  • Milano, Area B parte il 25 febbraio: Diesel "al bando" in città, sarà la Ztl più grande d'Italia

  • Perde il controllo del tir, si schianta contro il guardrail e abbatte un palo: morto un 30enne

  • Sciopera Milano Ristorazione e ai bimbi a scuola viene servito questo tramezzino: foto

  • Travolge e uccide un pedone: figlia della Boccassini indagata per omicidio stradale

  • Omicidio durante lite violenta: gli lancia una bicicletta, morto

  • Milano, sciopero dei mezzi 11 e 12 novembre: nessuna fascia di garanzia, ecco gli orari

Torna su
MilanoToday è in caricamento