Si masturba davanti alle compagnette della figlia: maestro pedofilo arrestato nel milanese

A dare il via alle indagini, portate avanti dai carabinieri della Compagnia di San Donato Milanese, è stata la denuncia dei genitori di una delle giovani 'prede'. In manette un 50enne

Repertorio

Adescava bambine tra gli 8 e i 13 anni. Con varie scuse riusciva ad avvicinarle. E poi proponeva loro 'giochetti' sessuali, arrivando perfino a masturbarsi davanti alcune di loro. In manette è finto un uomo italiano di 50 anni, che agiva nei comuni del Sud-Est di Milano. Sposato e padre di una minore della stessa età delle sue vittime, il presunto pedofilo approfittava del suo lavoro come maestro privato per consumare le sue perversioni sessuali.

A dare il via alle indagini portate avanti dai carabinieri della Compagnia di San Donato Milanese, comandata da Antonio Ruotolo, coordinate dalla Procura di Lodi, è stata la denuncia dei genitori di una delle giovani 'prede'. Nel mese di gennaio, si presenta in caserma un padre per denunciare gli 'strani' episodi riportati da sua figlia. La sua è un'accusa dettagliata davanti alla quale i militati agiscono immediatamente.

Nei mesi successivi il presunto pedofilo viene monitorato con indagini tradizionali - pedinamenti e ascolto di testimoni - e con intercettazioni ambientali. Il 50enne, spiegano i carabinieri, non era mai violento ma le immagini rivelano il suo agire subdolo. Sceglieva le vittime tra le compagnette di classe della figlia. La fase di adescamento era lunga. Avveniva in casa sua, durante le lezioni private, oppure mentre accompagnava figlia e compagnette alle attività sportive. Non solo: l'uomo usava anche i social network per 'conquistare' le sue vittime. Iniziava con complimenti apparentemente innocui, fino ad arrivare a proposte concrete.

I casi accertati sono diversi. In tre occasioni il maestro ha praticato autoerotismo davanti alle bambine. Fortunatamente, stando agli investigatori, le ragazzine terrorizzate hanno sempre rifiutato di partecipare attivamente. Altre volte - in almeno cinque occasioni - ha adescato minori online.

Sentiti i genitori e bambine in audizione protetta - in questo senso dal 21 giugno la Compagnia di San Donato avrà uno spazio dedicato - i militari, di concerto con la procura di Lodi, hanno deciso di arrestare il 50enne. E' accusato di atti sessuali con minorenne, corruzione di minorenne e adescamento di minorenne. Mercoledì sera, quando i carabinieri sono andati a prenderlo nella sua abitazione, non ha detto nulla. Ora è in cella, mentre le indagini proseguono per individuare eventuali altre vittime del 'maestro'.

 

Potrebbe interessarti

  • Schiamazzi e lite furibonda all'una di notte in strada

  • Dolore alla cervicale: i rimedi per combatterlo

  • Piante grasse in casa: ecco perchè fano bene alla salute

  • Disattivare le utenze: ecco come fare

I più letti della settimana

  • Sabato di maltempo a Milano: allerta meteo arancione della protezione civile per temporali

  • Milano, "tentato suicidio" a Famagosta: donna sotto la metro, la M2 ferma per un'ora e mezza

  • La Gomorra africana a due passi da Milano: spaccio, armi e sparatorie fra le gang rivali

  • Milano, nubifragi e grandine: il Seveso esonda due volte, strade e sottopassi allagati in città

  • Due scioperi in tre giorni, stop a metro Atm e treni Trenord: il mese infernale dei pendolari

  • Morto il musicista milanese 'Marione': fu il chitarrista di Battiato

Torna su
MilanoToday è in caricamento