Carabiniere pedofilo: assolto dalla Cassazione

Cadono le condanne nei primi gradi di giudizio. Era stato accusato di chiedere a una 11enne immagini pedopornografiche

Webcam

Nel luglio del 2012 era stato condannato a 9 anni e mezzo di carcere in secondo grado con le accuse di tentata pornografia minorile, corruzione di minorenni e violenza sessuale.

Ora per il carabiniere Maurizio Vitale, finito anche in carcere nel corso delle indagini, è arrivata l'assoluzione dalle prime due imputazioni da parte della Cassazione che, invece, per quanto riguarda l'accusa di violenza sessuale ha annullato con rinvio la condanna, ordinando un nuovo processo d'appello.

Il carabiniere, stando alle indagini della Procura di Milano, era accusato di aver inviato nel 2010 immagini pornografiche a una bambina "minore di anni 11" contattata tramite "chat e messenger con l'uso della web-cam", chiedendo poi, sempre secondo l'accusa, alla piccola di "mostrarsi nuda". In primo grado, nel febbraio 2012, e poi in appello nel luglio dello scorso anno i giudici l'avevano ritenuto colpevole di questi fatti e lo avevano condannato a 2 anni e mezzo con le accuse di tentativo di pornografia minorile e corruzione di minorenni.

La Cassazione, invece, con un dispositivo depositato nei giorni scorsi, ha assolto l'imputato, difeso dall'avvocato Stefano Sorrentino, dall'accusa di tentata pornografia minorile perché "il fatto non sussiste" e da quella di corruzione di minorenni "perché il fatto non è stato contestato (era stato riconosciuto solo in sentenza dai giudici, ndr)". In primo e secondo grado poi il carabiniere era stato condannato anche a 7 anni per presunti abusi nei confronti di un'altra bambina, sua parente.

Per questa imputazione la Suprema Corte ha annullato la condanna con rinvio: dovrà essere celebrato, dunque, un nuovo processo d'appello per l'imputato, che si trova agli arresti domiciliari. "Nei confronti del mio assistito - ha spiegato l'avvocato Sorrentino - era già stata emessa una sentenza anticipata da parte dei media con una sorta di giustizia sommaria: una vera e propria violenza nei confronti delle persone".

Il legale ha ricordato, tra le altre cose, che del caso di Vitale si era occupata anche la trasmissione 'Le Iene' e ha poi annunciato che denuncerà per "calunnia la madre della ragazzina" che si rivolse alla Procura per il presunto invio di foto via chat.

Potrebbe interessarti

  • A Milano gli rubano la bici con cui sta viaggiando per il mondo, l'appello: "Aiutatemi"

  • Intolleranza al lattosio: come riconoscerla

  • Come avere i finanziamenti per riqualificare energeticamente la casa a Milano

I più letti della settimana

  • Appena arrivato a Malpensa inizia a tremare: muore 28enne 'mulo' del narcotraffico

  • Milano, due fratelli morti in una casa a Baggio: uno ucciso a coltellate, un altro impiccato

  • Morto il fumettista milanese AkaB, Gabriele Di Benedetto: aveva solo 43 anni

  • La notte folle di un uomo: fa sesso con una prostituta, poi ‘spara’, la rapina e si accoltella

  • Incidente a Zibido, si schianta alla rotatoria e l'auto si ribalta più volte: morto un 32enne

  • Zibido, si schianta con l'auto della mamma alla rotatoria: Francesco muore sul colpo a 32 anni

Torna su
MilanoToday è in caricamento