La penna in realtà è una pistola: in giro con la 'biro' che spara e 3 proiettili in tasca, arrestato

In manette un uomo di 30 anni, già conosciuto alle forze dell'ordine e fermato dai carabinieri

L'arma sequestrata all'uomo

I militari lo conoscevano già. Per il suo curriculum criminale e per i suoi precedenti, sapevano già chi era quell'uomo. Così, quando lo hanno visto in strada, in via Don Mazzolari, hanno deciso di controllarlo. E hanno avuto ragione. 

Un 30enne italiano, residente a Garbagnate, è stato arrestato nei giorni scorsi dai carabinieri con le accuse di porto e detenzione illegale di armi dopo essere stato trovato in giro per la città con una penna pistola in tasca. 

Durante un normale controllo scattato a pochi metri da casa sua, i carabinieri gli hanno infatti scoperto nascosta in tasca un'arma a forma di penna marca Erma, calibro 22 e senza matricola. In più, l'uomo - che ha precedenti - aveva con sé anche tre proiettili per la stessa pistola, che evidentemente era pronta all'uso. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'arma, che era perfettamente in grado di sparare, è stata sequestrata e ora saranno svolti tutti gli accertamenti per capire se sia stata già utilizzata. Il 30enne, che non ha dato nessuna motivazione sul possesso della pistola, è stato messo ai domiciliari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quando si azzerano i contagi a Milano e in Lombardia: le prime previsioni

  • Coronavirus, quando finisce quarantena? "Le misure saranno allungate oltre 3 aprile"

  • Coronavirus: contagi in calo in Lombardia, ma 458 morti in un giorno. A Milano 3.560 positivi

  • Coronavirus, per la Regione "dati confortanti" ma la crescita dei contagi (e dei morti) è senza fine

  • Violente risse nella notte: uomo trovato con avambraccio squarciato

  • Coronavirus, ecco l'applicazione per il cellulare: "Vi chiediamo di scaricarla tutti"

Torna su
MilanoToday è in caricamento