Non sopporta che la sua fidanzata guadagni molto più di lui: la minaccia di morte e le rompe un braccio

L'uomo è stato condannato in appello per maltrattamenti. La sua ex ha dovuto rinunciare alla carriere lavorativa mettendosi in aspettativa per cercare di sfuggirgli

Repertorio

Ossessivamente geloso fino a picchiare e maltrattare l'ex compagna per tre anni, tutto per invidia: non sopportava di guadagnare decisamente meno di lei. Ora la corte d'appello di Milano ha confermato la condanna in primo grado a tre anni di reclusione (ai domiciliari), che gli era stata comminata dal tribunale di Busto Arsizio.

La vicenda ha per protagonisti un 58enne di Canegrate, originario della Sicilia, e la sua ex compagna, una donna che risiedeva nell'hinterland di Milano e che, ad un certo punto, si è sentita costretta a trasferirsi prima presso la figlia, poi presso un'amica e quindi a rinunciare a casa (vendendola) e lavoro (mettendosi in aspettativa) per "sparire" dalla circolazione e sperare che il suo ex non la tormentasse più.

La donna, da quel che si è saputo, nell'hinterland milanese aveva una buona posizione lavorativa ed era anche politicamente impegnata. La convivenza tra i due è durata tre anni, durante i quali l'uomo ha mostrato, oltre al proprio "senso di fallimento", anche un atteggiamento ripetutamente violento e collerico. Il 58enne è peraltro recidivo visto che era stato in passato denunciato per stalking da una ex fidanzata, e quella vicenda era finita con una condanna.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dopo la fine della relazione, il 58enne ha proseguito con il suo atteggiamento violento rompendo all'ex un braccio e un polso, nonché minacciandola di chiuderla in un sacco e gettarla nelle acque del Ticino. L'arresto risale al mese di aprile del 2017, poi la condanna in primo grado e la conferma, l'11 settembre, in appello.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollettino contagi 30 maggio 2020: morti senza fine, ancora 67 persone. Contagi stabili

  • Bollettino Coronavirus in Lombardia: 38 morti e +354 positivi, il 70% dei nuovi casi in Italia

  • Ogni quanto bisogna pesarsi?

  • Bonus bici valido a Milano, l'elenco dei Comuni: ecco come richiederlo

  • Bollettino Coronavirus in Lombardia e a Milano: 29 morti e 84 nuovi casi ma pochi tamponi

  • Bollettino Coronavirus in Lombardia e a Milano: tamponi quasi 'spariti', dati ininfluenti

Torna su
MilanoToday è in caricamento