Pusher massacra la fidanzata a calci in faccia: poi inseguito dalla polizia, butta via la cocaina

La donna ha una sospetta frattura alla mandibola. E' stata salvata dall'allarme dei passanti

Repertorio

Quando i poliziotti sono arrivati in via Doberdò, lei era una maschera di sangue. In lacrime e disperata ha chiesto aiuto agli agenti con le divise blu. A ridurla così, dopo un vero e proprio pestaggio con tanto di pugni e calci in faccia, procurandole una sospetta frattura alla mandibola, è stato il suo fidanzato. E lui, ovviamente, appena ha sentito le sirene ha cercato di scappare a piedi, direzione 'centro' Milano, ma inutilmente. 

La lite in strada, il pestaggio con il calcio in faccia

Prima di arrivare all'uomo, però, facciamo un passo indietro e ricostruiamo quei minuti di violenza inaudita scaturiti dopo una lite per futili motivi tra lei, una donna di 40 anni e lui, di 13 anni più giovane. La discussione 'amorosa', stando a quanto messo a verbale dalla 40enne, è degenerata quasi subito in un assalto fisico. 

Prima i pugni e poi, quando ormai la fidanzata era a terra, un calcio in faccia. Le sue urla hanno attirato l'attenzione di diversi passanti che, allarmati, hanno chiamato la polizia. "Un uomo - il tenore delle segnalazioni arrivate - sta picchiando una donna in una traversa di viale Monza". 

L'inseguimento e il tentativo di buttare via la cocaina

Sul posto sono intervenute fulminee le volanti del Commissariato Villa San Giovanni, che ha sede a un paio di isolati, e quelle del Commissariato Greco Turro. Mentre un equipaggio dava assistenza alla donna ferita, evidentemente sotto choc per l'accaduto, l'altra volante si è lanciata all'inseguimento del compagno violento. 

Sentendosi braccato, il 27enne, Jacopo S., ha provato a disfarsi di un piccolo borsello - al cui interno sono state ritrovate 17 dosi di cocaina - e poi ha corso ancora. Quando finalmente è stato bloccato, nei pressi di via Bernardo Rucellai, non ha più opposto resistenza. Aveva i pugni sporchi di sangue.

Un passato violento e le denunce della donna

Il suo stato, secondo le indicazioni dei testimoni, non sembrava essere lucidissimo. Si tratta di un cittadino italiano, così come la vittima, non nuovo a maltrattamenti del genere. Preso dall'ira, in passato aveva già aggredito fisicamente la compagna, secondo quanto riferito dalla polizia. Lo faceva fin dal 2016 per questo aveva un divieto di avvicinamento alla donna. Questa volta ha dato in escandescenze in pieno giorno - attorno alle 13.30 di mercoledì - e in strada: un segno evidente dell'aggravarsi della sua pericolosità.

La sua povera 'preda', stavolta, è finita all'ospedale Niguarda in codice giallo: il suo volto era tumefatto, le labbra erano tagliate e aveva una sospetta frattura facciale. Oltre venti giorni di prognosi. Lui, invece, è accusato di atti persecutori, lesioni personali aggravate e possesso ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Ora, in attesa della decisione dell'autorità giudiziaria, è stato portato in carcere: anche e soprattutto per il bene della 40enne.

Milano, l'installazione contro la violenza di genere

Violenza contro le donne: la prevenzione della Regione

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (12)

  • A prescindere dalla notizia, mi fare capire con che criterio mettete le fotografie per la copertina degli articoli? Quella ritratta è via Merzario, la via che costeggia la stazione di Lambrate e nom c’entra nulla con nessuna delle zone che avete menzionato nell’articolo. Per di più risale almeno ad un anno fa! Scusate ma trovo privo di senso tutto questo. Mi date una spiegazione, redazione?

  • Italiani brava gente

  • Donne, svegliatevi

    • non sia mai che siano gli uomini a smettere di essere violenti, no, le donne che si devono svegliare. il problema è esattamente questo.

  • Michele : il mio pensiero in riferimento alla violenza che il tipo ha perpetrato nei confronti della sua partner, vista l'efferatezza dovrebbe essere messo in condizione di non nuocere più a nessuno, perché uno schizzato non può stare in giro

  • un paio di giorni e sarà ancora in giro a vendere bustine

  • beh se gli esempi sono pillon e gli altri trogloditi personaggi come questo avranno la vita sempre più semplice

  • Spero non gli diano i domiciliari se no la poveretta se lo ritrova in casa.

  • Presto sarà libero di rifarlo....

  • Sono sempre dell'idea che una volta preso il subumano dovevano costringerlo ad assumere tutte le dosi di cocaina, sperando che le stesse lo mandino all'altro mondo. Questa spazzatura non deve stare in galera ma sotto due metri di terra.

  • 40enne che sta con un 27enne spacciatore... Ma finché questo soggetto era violento o rovonava la vita di altri alla donna andava bene? Mi spiace abbia preso una scassata di botte, ma forse era il caso di denunciarlo prima, non dj mettercisi assieme...

  • un altro b.a.s.t.a.r.d o da appendere per il collo. poi però, con le leggi che abbiamo, starà fuori dalla galera. ed allora viva la giustizia privata. un colpo di pistola e via...

Notizie di oggi

  • Attualità

    San Siro: oscillazioni anomale (anche di 5 cm) al terzo anello dello stadio, scatta l'allarme

  • Attualità

    Milano, figlia apre l'uovo di Pasqua in anticipo, il papà le spacca il naso con un pugno in faccia

  • Cronaca

    Buccinasco, furibonda lite tra vicini per i cani: uomo getta dell'acido in faccia a una donna

  • WeekEnd

    Cosa fare a Milano per il ponte di Pasqua e Pasquetta 2019 a Milano: tutti gli eventi

I più letti della settimana

  • Incidente per il figlio di Gerry Scotti: ricoverato d'urgenza in ospedale a Milano e operato

  • Milano, pauroso incidente: auto finisce contro un bar e travolge una cliente, donna grave

  • Milano, 16enne disabile massacrato a calci in faccia al Parco Nord: bullo piange per l'arresto

  • Milano, aperti dai ladri cinquanta box nello stesso condominio: via auto e biciclette

  • Uomo si spara un colpo di pistola in auto: trovato agonizzante in un parcheggio a Milano

  • Tentato omicidio: matrimonio tra giovanissimi finisce con una sparatoria

Torna su
MilanoToday è in caricamento