Massacra a cinghiate la compagna incinta di tre mesi, il padre e la madre: arrestato 29enne

L'uomo non sarebbe nuovo a episodi del genere e questa volta è stato finalmente arrestato

Immagine di repertorio

Quando ha finito di massacrare tutti si è rinchiuso all'interno della sua stanza, nel silenzio. Solo a quel punto i suoi familiari, malconci, sono riusciti a scappare per chiedere aiuto alla vicina di casa e chiamare i carabinieri e il 118. 

Al termine di una mattinata di violenza inaudita scaturita da una lite con la propria compagna incinta di 3 mesi, un ragazzo salvadoregno di 29 anni ha picchiato a sangue prima la donna, una ecuadoregna di 21 anni e poi il proprio papà, un 52enne intervenuto per difendere la nuora ,e la mamma, una 51enne. E' stato arrestato dai militari del Nucleo Radiomobile con l'accusa di maltrattamenti in famiglia.

A ricostruire quei minuti terribili, avvenuti domenica 6 gennaio, ci hanno pensato le vittime stesse. Stando ai loro racconti la prima a finire sotto i pugni e i calci del 29enne è stata la compagna, già madre di un figlio avuto con l'uomo e attualmente in attesa del secondogenito. Pare che tutto sia cominciato per futili motivi. Poi è toccato al padre del ragazzo. Il figlio lo ha colpito con la cinghia sulla schiena e sulla spalla poi gli ha sferrato un violento pugno in testa. E infine, pochi istanti dopo, si è scagliato anche contro la madre.

Si tratta di un personaggio violento, dicono adesso i militari che lo hanno arrestato. Era pregiudicato e attualmente sottoposto a libertà vigilata. Già a novembre la compagna era stata invitata a comparire al Commissariato di Quarto Oggiaro perché il compagno era stato sorpreso a picchiarla in mezzo alla strada. Il tutto, in quell'occasione, sarebbe poi finito senza alcuna denuncia. Querela che questa volta è invece arrivata. 

Al termine di quei minuti infernali del giorno dell'Epifania, la 21enne è stata trasportata all'ospedale Sacco in codice giallo. Il bambino nel suo grembo sta bene. Il padre dell'arrestato è finito al Fatebenefratelli in codice verde. Lui e la moglie hanno confermato che il figlio non è nuovo a scatti di violenza incontrollata del genere. Ora è rinchiuso a San Vittore.

Potrebbe interessarti

  • Schiamazzi e lite furibonda all'una di notte in strada

  • Perchè è importante cambiare le lenzuola del letto

  • Pulizia della lavastoviglie: tutti i consigli utili

  • Come svegliarsi bene la mattina: 6 consigli pratici

I più letti della settimana

  • Follia sul bus a Milano, autista picchiato a sangue: la foto denuncia dell'occhio tumefatto

  • E' morto a Milano Enrico Nascimbeni, aveva 59 anni

  • Sciopero dei mezzi a Milano, giovedì stop a metro, tram e bus Atm: gli orari dell'agitazione

  • Assorbenti, coppette mestruali e sex toys: a Milano il primo negozio dedicato alla vagina

  • Ragazzo di ventidue anni sparito da oltre un mese: ritrovato a Milano, dormiva in strada

  • Malpensa, fagioli scambiati per ovuli di coca: brutta disavventura per un turista brasiliano

Torna su
MilanoToday è in caricamento