Donna massacrata di botte dal marito: costole spaccate e ferite in testa, "salvata" dal vicino

Un vicino di casa ha dato l'allarme ai carabinieri. Il marito violento è stato arrestato

Le ha spaccato, letteralmente, le ossa. L'ha colpita al petto e alla testa in preda a un raptus di rabbia e violenza. E ha continuato a farlo nonostante le sue urla. Un uomo di quarantuno anni, un cittadino italiano con precedenti per furto, danneggiamento ed estorsione, è stato arrestato venerdì mattina dai carabinieri della tenenza di San Giuliano con l'accusa di maltrattamenti in famiglia nei confronti di sua moglie, una 43enne, anche lei italiana. 

L'allarme è scattato alle 9.30, quando un vicino di casa della coppia - che vive in un condominio di Mediglia - ha sentito le grida della vittima e, per fortuna, ha chiesto aiuto al 112. 

I militari, subito intervenuti, hanno bloccato il 41enne e hanno accertato che poco prima, per futili motivi, aveva aggredito e malmenato la compagna. La donna è finita in ospedale al Policlinico di Milano, dove i medici le hanno diagnosticato venti giorni di prognosi per "frattura di due costole e contusioni multiple al capo e al torace". 

I carabinieri, che hanno portato l'uomo nel carcere di Lodi, hanno anche accertato che le violenze, fisiche e psicologiche, andavano avanti da tempo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, tutte le scuole di Milano e provincia chiuse: ecco l'elenco dei comuni

  • "Si è scambiata un'infezione appena più seria di un'influenza per una pandemia letale"

  • Milano, primi casi di coronavirus accertati in Lombardia: 38enne ricoverato a Codogno

  • Coronavirus, altro contagio: positivo al virus un 40enne che lavora a Cesano Boscone

  • Coronavirus, primi 2 casi a Milano: contagiati a Sesto e Mediglia, "caccia" al vero paziente 0

  • Coronavirus, sale il numero dei contagiati in Lombardia: sono 47. Due casi nel milanese

Torna su
MilanoToday è in caricamento