Milano, processione di preghiera contro i gay: “L'omosessualità è la tentazione del diavolo”

Giovedì, in pieno centro, cinquanta persone hanno sfilato e pregato contro il gay pride

Un momento della processione

Una grande croce di legno in testa al corteo. Immagini sacre qua e là tra la folla, non numerosissima. E le continue invocazioni, ripetute al microfono, a Dio e alla Madonna affinché salvino tutti dalle tentazioni. 

Giovedì sera, in pieno centro a Milano - zona Castello Sforzesco -, una cinquantina di ultracattolici ha dato vita alla “processione di riparazione al gay pride di Milano”, in risposta al corteo dello scorso 24 giugno, quando decine di migliaia di persone erano scese in strada per chiedere "diritti senza confine".

I manifestanti, guidati da sei uomini in abiti talari - tra loro, hanno confermato gli organizzatori, un "sacerdote della Diocesi" - hanno "marciato" pregando contro il “cosiddetto orgoglio omosessuale”. 

“Ci siamo ritrovati - ha spiegato uno di loro al microfono, prima della partenza - perché lo scorso 24 giugno anche qui a Milano è sfilato l’orgoglio omosessuale, cosa che oggi molti considerano un diritto e in cui non vedono nulla di male. A noi invece non ha lasciato indifferenti perché sappiamo che, in realtà, eventi come questi rappresentano l'ostentazione e la nobilitazione di atti e comportamenti che costituiscono un grave peccato che umilia e degrada la creatura più bella di Dio, l'uomo, negando la bellezza dei sessi e cancellando la famiglia come comunione di differenze, immagine della Trinità, cioè dell’amore vero”.

E ancora, sempre l’uomo al microfono, con la voce tesa e il volto serio: “Sappiamo inoltre che questi eventi promuovono una visione erronea del mondo che nuoce e ferisce tutti in modo ancora più grave. In questa visione l'uomo vorrebbe sostituirsi a Dio soggiogando lui e la sua intera creazione, rifiutando ogni ordine e usando in maniera distorta ogni cosa. Come se la creazione di Dio e la sua rivelazione - ha attaccato il presunto prete che ha guidato la preghiera - non fossero un sostegno dato da un padre che ci ama, ma fossero bensì una prigione da combattere e distruggere perché sia l'uomo a decidere di se stesso”. 

Video | Preghiere e Madonne: la processione contro il gay pride

foto video preghiera gay pride-2

Quindi, il paragone - neanche troppo velato - tra l’omosessualità e il diavolo. “È l'antica tentazione - le parole pronunciate dall’uomo - che si rinnova, la stessa suggerita dal serpente ai progenitori nell'Eden. È l'antico tentativo del diavolo di strapparci dall'abbraccio di Dio inducendoci a rifiutare la sua paternità”.

“Per questo ci siamo ritrovati per pregare e per amore di tutte le anime che a causa della cultura veicolata da questo evento, il gay pride, rischiano di perdersi e per tutte quelle che quotidianamente vengono ingannate e confuse” da - ha concluso il presunto don - “questo attacco satanico alla creazione di Dio e perciò alle sue due colonne, la vita e la famiglia”. 

A quel punto è poi partita la processione vera e propria, tra un Padre Nostro e un Ave Maria recitati al microfono e da tutti i presenti. 

Eventi simili, in altre città d’Italia, erano già stati organizzati dal “Comitato Beata Giovanna Scopelli”. Dopo la processione di riparazione di Reggio Emilia, monsignor Athanasius Schneider - tra i vescovi più “tradizionalisti” del mondo cattolico - aveva definito i partecipanti “cristiani coraggiosi”. 

Dalla Curia di Milano, contattata da MilanoToday, arrivano invece frasi di circostanza sulla “marcia” di preghiera di giovedì sera, alla quale - stando a quanto comunicato dagli organizzatori - ha partecipato anche un "sacerdote diocesano".

“Non eravamo a conoscenza della manifestazione”, le parole dell’ufficio comunicazioni dell’arcidiocesi, che a precisa domanda - “Qual è la vostra posizione ufficiale?” - glissa con un secco “non abbiamo ulteriori dettagli”. Né, evidentemente, distanze da prendere. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pauroso incidente in tangenziale Est: donna infilzata dal guard-rail, gravissima

  • Dramma a Sanremo, turista milanese in vacanza muore annegata mentre fa il bagno

  • Milano, violenta rissa da Far West: due feriti gravi e un vigile colpito al braccio

  • Temporali di "forte intensità" in arrivo a Milano: scatta l'allerta meteo di codice giallo

  • Soffocata da boccone al pranzo di Ferragosto: milanese in vacanza muore dopo tre giorni

  • Milano, appuntamento all'alba per la "resa dei conti": rissa tra ragazzine in centro, due ferite

Torna su
MilanoToday è in caricamento