L'investigatore, il ferramenta, l'operaio e il barista: ecco i "bancomattari", colpi in 120''

In manette cinque uomini, fermati in flagranza. Potrebbero essere responsabili di altri colpi

La banda in azione

Erano un gruppo di amici "divertenti e affiatati", per dirla con le parole di uno degli investigatori che ha dato loro la caccia. Un gruppo di uomini, tutti della stessa città, che passavano le serate libere a ridere e scherzare insieme. Un gruppo di uomini, però, in grado anche di riconoscere la "sconfitta", come dimostra quella frase - "Avete vinto voi" - che hanno detto ai militari mentre li stavano ammanettando. 

Cinque ladri sono stati arrestati in flagranza di reato dai carabinieri del Nucleo Investigativo di Milano con le accuse di furto aggravato, fabbricazione e detenzione di materiale esplodente. In manette sono finiti un 26enne operaio, un 41enne proprietario di un bar, un 48enne investigatore privato, un 49enne titolare di un ferramenta e un 51enne disoccupato. I cinque, che vivono tutti a Bologna, sono stati fermati nella notte tra venerdì e sabato dopo un doppio assalto a due bancomat tra Luisago, nel Comasco, e Solaro. 

La casa presa in affitto per il colpo

I militari gli stavano dietro da un paio di settimane, da quando avevano capito che potevano essere una delle batterie responsabili degli assalti agli sportelli bancomat, aumentati esponenzialmente negli ultimi mesi con oltre dieci colpi da novembre.

Grazie alle indagini, i carabinieri hanno scoperto che i cinque avevano noleggiato tre box - due a Milano città e uno in provincia, a Vanzago - e che da mercoledì scorso fino a domenica avevano preso in affitto una casa per quattro persone a Pieve Emanuele, come se avessero qualcosa da "sbrigare" sotto la Madonnina. 

Così, gli investigatori - guidati dal comandante della II sezione, Cataldo Pantaleo - hanno fiutato che la banda era pronta per entrare in azione e hanno continuato a monitorare ogni loro spostamento senza sosta. Venerdì sera la svolta: i cinque sono arrivati verso le 23.30 in un garage di via Nazario Sauro a Vanzago e da lì sono usciti poco dopo con una Golf scura. Quella stessa Golf pochi minuti dopo è stata avvistata a Varese, prima di riapparire fuori da una banca Bpm a Luisago, dove in quattro - il quinto uomo li aspettava in un altro punto - hanno fatto saltare il bancomat. 

Video | L'assalto al bancomat con la marmotta

I botti con la "marmotta"

Altro giro, altra corsa: meno di venti minuti dopo, a bordo della stessa auto, i ladri - che "agivano anche per l'adrenalina", hanno spiegato i carabinieri - si sono fermati fuori dalla Bpm di Solaro. Anche lì, stesso copione: i quattro hanno posizionato la "marmotta" - una bomba artigianale fatta con alluminio e nitrato d'ammonio - nella fessura dalla quale escono i contanti, hanno dato l'innesco con la batteria di un'auto e hanno fatto saltare tutto. 

Foto - Un attimo prima dell'esplosione

banca assalto bancomat-2

Quindi hanno raccolto i soldi - bottino totale dei due colpi 91mila e 650 euro - e con la Golf sono tornati in un secondo box, in via Meli a Milano.

Ad aspettarli, però, hanno trovato i carabinieri, che poco dopo hanno bloccato anche il quinto ladro, che attendeva indicazioni per recuperare il resto della banda. Gli uomini del Nucleo Investigativo hanno aspettato che i quattro chiudessero la saracinesca del garage per poi riaprirla e bloccarli, mentre si cambiavano. 

Uno di loro, con il sorriso sulle labbra, ha guardato i militari e ha ammesso: "Bravi, avete vinto voi". Nella macchina gli investigatori hanno trovato anche un pizzino sul quale erano annotati gli indirizzi delle due banche colpite e la via di una terza banca, che forse era stata scelta come "scorta" o che forse i tre avrebbero voluto colpire qualche ora dopo. 

I colpi in 120 secondi dei "bancomattari"

I cinque, che nei due colpi a Luisago e Solaro hanno impiegato non più di 120 secondi per portare a casa oltre 90mila euro, sono ora sospettati di altri furti. 

La banda, composta da gente esperta, da "bancomattari" - come li definiscono a Bologna, dove c'è una radicata "tradizione" di assaltatori di bancomat - potrebbe aver infatti colpito già altre volte a Milano e in provincia. 

Gli investigatori stanno analizzando a ritroso altri precedenti blitz per cercare di capire se anche in quei casi ad entrare in azione sia stato quel gruppo di amici "divertenti".

Tanto divertenti - e sicuri di sé - che uno di loro, mentre veniva caricato in macchina per andare a San Vittore, ci ha tenuto a dare due baci sulla guancia al carabiniere che lo aveva appena arrestato. 

Foto - La Bpm di Solaro sventrata

esplosione bancomat 1-2

E tanto divertenti e sicuri da guadagnarsi una leggenda tutta per loro, che da tempo gira tra caserme e commissariati. La storia racconta che qualche anno fa un’auto delle forze dell’ordine vede una Audi sospetta con quattro uomini a bordo - tra cui alcuni degli arrestati - sulla tangenziale a Bologna e si affianca. A quel punto, gli occupanti della vettura mostrano degli enormi smile e poi scappano via, facendo perdere le proprie tracce. Questa volta, però, “hanno vinto” i carabinieri.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (14)

  • meno pericolosi di tanti altri delinquenti.....alla fine rapinavano chi ci rapina legalmente tutti i giorni!!!!

    • poi quando le banche falliscono vai a chiedere il rimborso col cartello attaccato al collo?

  • Va bene, ma adesso vogliamo sapere come finisce la barzelletta.

  • La cosa peggiore che oltre ad essere criminali lo sono pure per scelta seppur avessero quasi tutti lavori e nemmeno così brutti o poco retribuiti, la peggiore specie dei criminali

  • Due baci somo il minimo, visto che il Carabiniere gliel'ha messo in c=%o.

  • Poveri, si annoiavano con i loro normalissimi lavori e quindi si sono dati alla delinquenza... Sempre più basita????????‍♀️

  • Niente "risorse"? emmò i naziruspisti con chi se la prendono? Ueeeeeeeee, "risorse boldriniane", che aspettate a commettere un reato? i nazirispisti che commentano su milanotoday stanno in crisi

    • Meglio italiani che stranieri sempre!!!

      • Meglio Italiani??? Non c’è niente da giusti******re dicendo “meglio italiani”. Eh no!!!! Proprio perché sono italiani dovrebbero per primi rispettare le leggi Italiane! O vale la regola “predichi bene e razzoli male”???? Se commetti un crimine finisci in galera, punto.

    • Il fatto che esistano dei delinquenti italiani non giusti****** l'importazione della feccia di mezzo mondo. Chi ha la gastrite cerca di guarire da quel male, non va a prendersi anche l'influenza perché tanto è già malato.

    • Contento che sono italiani ???che bello vero???da buon comunista puoi fare campagna elettorale su rapine e disgrazie altrui ....bravissimo perfetto uomo della sinistra

      • comunista è quella schifezza orrenda che vedi allo specchio ogni volta che c'hai il coraggio di guardartici dentro, brutto pezzo di mer da

      • una melanzana per cervello

        • parla quello che al posto della bocca ha il buco del cu lo, pezzo di mer da

Notizie di oggi

  • Sport

    Olimpiadi invernali, la candidatura di Milano e Cortina piace: "Luoghi iconici e bellissimi"

  • Attualità

    Milano "assediata" da nuvole di api, tre casi in poche ore: ecco cosa sta succedendo in città

  • Cronaca

    Milano, due uomini aggrediti dal branco sui Navigli: in sei contro due, pestati e rapinati

  • WeekEnd

    Cosa fare a Milano dal 24 al 26 maggio: tutti gli eventi

I più letti della settimana

  • Omicidio a Milano, bimbo di 2 anni ucciso di botte in via Ricciarelli: padre in fuga per ore

  • Alba di sangue a Milano, ragazzo accoltellato al culmine di una rissa fuori dalla discoteca

  • Terremoto vicino a Milano, registrata scossa di magnitudo 2.5 a Robecco sul Naviglio

  • Legnano, donna investita e uccisa da un treno in stazione: circolazione in tilt e ritardi

  • Morto a 15 anni per un malore Maicol Lentini, ex promessa dell'Inter

  • Matteo, il ragazzino di sedici anni scomparso da Assago: "Non ho più nessuna notizia di lui"

Torna su
MilanoToday è in caricamento