Milano, c'è la prima unione civile: Margherita ha sposato sua moglie prima di morire

La donna, malata terminale e ricoverata a Casa Vidas, ha potuto coronare il suo sogno. Palazzo Marino, nonostante la Cirinnà non sia ancora "operativa", ha trascritto l'unione civile

Margherita - Foto Repubblica.it

Alla fine, nonostante i ritardi della legge, ha potuto coronare il suo sogno. Ha potuto fare in modo che sua moglie potesse essere “al sicuro” anche quando lei, purtroppo, non ci sarà più.

Margherita, la maestra malata terminale che aveva chiesto di unirsi civilmente con la sua fidanzata, ha finalmente potuto dire di “sì” alla sua compagna di vita. 

Mercoledì, al primo piano dell’hospice Casa Vidas in cui è ricoverata, la maestra cinquantatreenne e la sua compagna hanno firmato la prima unione civile ufficiale del comune di Milano, che è intervenuto con un provvedimento in extremis “scavalcando” anche la legge Cirinnà, non ancora operativa. 

La maestra, malata terminale di cancro, aveva rivolto nei giorni scorsi un appello al comune e a palazzo Chigi - attraverso Repubblica - perché la sua compagna, dopo la sua morte, potesse godere di tutti i diritti che spetterebbero a qualsiasi marito e moglie. E l’appello, evidentemente, ha colto nel segno. 

Il comune, infatti, ha deciso di agire vista l'urgenza della situazione e di farlo in via eccezionale. Le celebrazioni ufficiali partiranno attorno al 9 agosto, quando sarà pronto il registro previsto dalla Cirinnà: e la prima coppia a essere scritta su quel registro, sarà proprio quella di Margherita e della sua, finalmente, moglie. 

Mercoledì, in una stanza d’ospedale, il dirigente dell’anagrafe ha verbalizzato l'unione appellandosi alla formula del "matrimonio in imminente pericolo di vita", che permette di celebrare le nozze tra due persone senza aspettare i tempi delle pubblicazioni. 

"Siamo intervenuti, nei limiti delle nostre possibilità, perché una situazione tanto delicata non ci permetteva di attendere - ha spiegato a Repubblica l'assessore al welfare, Pierfrancesco Majorino - Questa vicenda umana rende evidente l'urgenza della Cirinnà, una legge che elimina barriere troppo a lungo tollerate in Italia".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Autista dirotta autobus con ragazzini e poi gli dà fuoco: "Da qui non esce vivo nessuno"

  • Omicidi

    La cena, la lite e la "lotta" in casa: Roberta, uccisa dal fidanzato conosciuto 5 mesi fa

  • mobilità

    Apre il parcheggio della M2 Abbiategrasso: dentro Area B, off limits per auto inquinanti

  • Cronaca

    Milano, presi i banditi che volevano sparare agli imprenditori: "Mi sistemo, poi mi sposo"

I più letti della settimana

  • Incendio bus sulla Paullese: autista dirotta e dà fuoco al mezzo: "Voglio vendicare i morti in mare"

  • Milano, a CityLife il tiramisù più lungo al mondo: pronte 15mila porzioni in omaggio

  • Incidente a Buccinasco, auto pirata investe famiglia e fugge: 4 bimbi travolti, tre sono gravi

  • Meningite, morta Federica: ragazza di 24 anni

  • Senza biglietto, non scendono e bloccano il treno: "Siamo ambasciatori fuori da giurisdizione planetaria"

  • Autista dirotta autobus con ragazzini e poi gli dà fuoco: "Da qui non esce vivo nessuno"

Torna su
MilanoToday è in caricamento