Accoltellò due militari e un agenti in stazione Centrale di Milano: pena ridotta per Hosni

I periti avevano segnalato un "ritardo" nello sviluppo mentale di Hosni, un disturbo della personalità, oltre al fatto che nel corso dell'aggressione era sotto l'effetto di cocaina

Repertorio

La Corte d'Appello di Milano ha ridotto da 7 anni a 5 anni e 8 mesi di carcere la condanna di Ismail Tommaso Hosni, l'italo-tunisino accusato di tentato omicidio, lesioni e resistenza per aver aggredito con due coltelli due militari e un agente della Polfer alla Stazione Centrale di Milano il 18 maggio 2017.

Già in primo grado il gup Roberta Nunnari, nel processo con rito abbreviato, aveva riconosciuto al 21enne il vizio parziale di mente, accertato da una perizia (il pm aveva chiesto 10 anni). A pena espiata, aveva stabilito anche il gup, Hosni dovrà scontare anche tre anni di misura di sicurezza in una comunità.

La perizia psichiatrica, disposta dal gup su richiesta del difensore Giusi Regina, aveva stabilito che la capacità di intendere e di volere del giovane era "grandemente scemata al momento del fatto".

I periti avevano segnalato un "ritardo" nello sviluppo mentale di Hosni, un disturbo della personalità, oltre al fatto che nel corso dell'aggressione era sotto l'effetto di cocaina.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Ovest: motociclista tamponato finisce oltre il guard rail e viene travolto, morto

  • Milanese "razzista" e "salviniana" non affitta ai "meridionali": l'audio diventa virale

  • Milano, grosso incendio in Stazione Centrale: a fuoco un'area dove si rifugiano i clochard

  • Milano, la velina Giulia Calcaterra in ospedale: “Un batterio mi ha bucato il malleolo”. Le foto

  • Uomo trovato impiccato a un albero in un parco di Milano. Indaga la scientifica

  • Milano, paura in un cantiere a City Life: gru precipita dal 29° piano della Torre Libeskind

Torna su
MilanoToday è in caricamento