Profughi stipati nei treni merci dalla Stazione Lambrate verso la Germania: due arresti

La banda che organizzava i viaggi clandestini riuniva di solito una decina di migranti e li guidava ai vagoni dei treni merci sui quali dovevano salire attraverso squarci nei teloni

Repertorio

Due persone sono state arrestate dalla Squadra Mobile della Questura di Como per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina. Le ordinanze di custodia cautelare in carcere, emesse dal Tribunale di Milano su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia, sono state eseguite nella mattinata di martedì 11 dicembre 2018. Le due persone arrestate sono ritenute appartenenti ad un sodalizio criminale dedito al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina verso paesi del centro e nord Europa, in particolare verso la Germania, come racconta QuiComo.

Le indagini partono da una denuncia

Le indagini della polizia di Como scattano quando nel dicembre del 2017 un cittadino del Gambia richiedente asilo denuncia di avere pagato 150 euro a un connazionale affinché gli organizzasse un viaggio clandestino per raggiungere la Germania. Il gambiano ha raccontato il viaggio: da Como alla stazione di Lambrate a Milano e da lì a Verona dove è salito su un treno merci. Nascosto in un vagone insieme ad altri nove migranti ha iniziati il viaggio ma al confine tra Austria e Germania il gruppo di migranti clandestini è stato scoperto dalle forze dell'ordine tedesche e austriache. Tutti sono stati rimandati in Italia. E' allora che il cittadino africano ha deciso di sporgere denuncia.

Squarci nei teloni dei convogli

La banda che organizzava i viaggi clandestini riuniva di solito una decina di migranti e li guidava ai vagoni dei treni merci sui quali dovevano salire attraverso squarci praticati nei teloni che ricoprivano i vagoni. In un caso il telone è volato via finendo sui binari con grave rischio di incidenti ferroviari. Spesso i treni arrivavano alla stazione tedesca di Seigen. Le autorità tedesche hanno riscontrato numerosi casi in cui i clandestini risultavano i cattive condizioni salute a causa del viaggio fatto al freddo a causa dell'aria che entrava nel vagone attraverso i tagli praticati nei teloni. Infatti, questi viaggi dei treni merci avvenivano soprattutto di notte oltrepassando valli e zone assai fredde.

Fenomeno in crescita

La competenza delle indagini partite da Como sono state trasferite alla Direzione Distrettuale Antimafia. Si è scoperto che i punti di partenza dei treni merci per trasportare i clandestini erano di solito le stazioni di Verona o Gallarate. Attraverso i contatti con le forze dell'ordine svizzere e tedesche si è scoperto che il fenomeno dell'immigrazione clandestina sui treni merci ha registrato un incremento nel 2018 rispetto all'anno precedente, tanto che nei primi mesi del 2018 sono stati scoperti circa cento migranti clandestini. I viaggi avevano una frequenza quasi quotidiana, di sicuro avvenivano più volte a settimane.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Indagati e arrestati

Il lavoro della Squadra Mobile di Como ha portato all'arresto di un liberiano e di un magrebino ma sono almeno altre quattro le persone  coinvolte nelle indagini a vario titolo. Due degli altri quattro uomini sono ricercati per essere arrestati su ordinanza di custodia cautelare emessa dalla DDA, mentre altri due sono indagati a piede libero (uno è stato individuato e fermato, l'altro risulta irreperibile).
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, il bollettino: 441 nuovi casi in Lombardia, ma terapie intensive sotto i 200

  • Bonus bici, come sarà e come richiederlo. Retroattivo al 4 maggio ma servono le credenziali Spid

  • Coronavirus, distanziamento al ristorante: in Lombardia regole diverse ed è polemica

  • Coronavirus, bollettino: altri 285 casi. "Nessun decesso segnalato" in Lombardia in un giorno

  • Bollettino coronavirus Lombardia e Milano: solo 8 contagi a Milano, 620 positivi in meno in Lombardia

  • Bollettino Lombardia martedì 19 maggio: sempre più guariti, ma risalgono morti e contagi

Torna su
MilanoToday è in caricamento