Milano, protesta degli animalisti fuori dal tendone del circo Orfei: "Siete degli schiavisti"

Il blitz degli animalisti fuori dal circo Orfei per dire "basta al circo con animali". I fatti

Il blitz

Domenica di protesta per gli animalisti milanesi, che si sono ritrovati in piazzale Cuoco per ribadire, con forza, il loro personalissimo no al circo con gli animali. 

Gli attivisti di Lav, Gaia Italia e Lean No vivisezione, accompagnati da alcuni esponenti del Movimento cinque stelle cittadino, si sono dati appuntamento alle 14.30 in piazzale Cuoco - dove si trova il tendone di Orfei - e lì hanno messo in scena il loro sit in. 

I manifestanti hanno mostrato cartelli con un elefante in catene e la scritta "lo trovi divertente?" accompagnato dai cartelli "basta circo con gli animali", "schiavisti diventate umani" e "alla politica gli animali interessano solo per i voti che riescono a smuovere". 

È "una costante e aberrante violazione di diritti - hanno spiegato gli animalisti -. Nei pochi minuti di spettacolo in pista vengono nascosti i quotidiani, faticosi e umilianti momenti dell’addestramento e del dominio, volti a piegare l’animale alla volontà dell’uomo che li costringe ad esibirsi in quanto di più lontano dalle caratteristiche etologiche".

Gli attivisti hanno anche annunciato che nei prossimi giorni in regione Lombardia verrà presentata una mozione firmata da Luigi Piccirillo del M5s per chiedere che venga vietata la presenza di circhi con animali. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ubriaco fradicio alla guida, accosta e ferma i vigili: "Documenti grazie, devo farvi la multa"

  • Incidente a Trezzano, auto passa col rosso e si schianta con 2 macchine: 12enne gravissimo

  • Milano, incidente in via Trevi: Smart si ribalta e piomba dentro al negozio di kebab, un morto

  • Sete dopo la pizza? Ecco perchè ti viene

  • Gabriele e Risqi, morti nel tragico schianto in autostrada: la loro auto è finita sotto un tir

  • Mezzi, a Milano si attende in media 9 minuti ogni giorno; e ce ne vogliono 43 per arrivare a destinazione

Torna su
MilanoToday è in caricamento