"Non respiro": protesta sotto il consolato Usa per George, ucciso dalla polizia in America

L'onda di proteste per l'afroamericano ucciso a Minneapolis arriva fino a Milano. Le immagini

Un cartone con su scritta quella frase - "I can't breathe", "Non riesco a respirare" - che è diventata quasi il suo "testamento", il suo lascito alle proteste. E poi tanti altri per dire che "senza giustizia non c'è pace", che no, "noi non staremo zitti" e che è arrivato il momento di dire basta agli omicidi delle persone di colore. 

Arriva anche a Milano l'onda lunga delle proteste per la morte di George Floyd, il 45enne afroamericano morto lunedì a Minneapolis, negli Stati Uniti, durante un controllo di polizia. Le forze dell'ordine americane in un primo momento avevano parlato di "un incidente medico" ma sono state ampiamente smentite da video amatoriali che mostrano un agente che tiene a lungo premuto il ginocchio sul collo del ragazzo, che a più riprese ripete "I can't breathe" prima di morire. 

Nel pomeriggio di giovedì i manifestanti, molti dei quali del centro sociale Cantiere, si sono ritrovati sotto il consolato Usa di Milano e hanno espresso tutto il loro disappunto e la loro rabbia. "Ci siamo uniti al grido di lotta e di dolore che sta scuotendo Minneapolis. George Floyd è morto perché il razzismo permea il nostro modo di percepire le cose - hanno spiegato -. Viviamo immersi in un sistema razzista, che divide l'umanità in scale di valori, che definiscono la possibilità di esistere o meno, vivere o morire".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Il razzismo viene insegnato, tramandato, costantemente costruito. Divulgare messaggi che facciano percepire le persone nere come diverse e pericolose, porta a questo - il loro attacco -.  Colpevolizzare chi reagisce davanti a questa morte ingiusta, porta a questo. Le vite nere valgono. Le nostre vite valgono". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'odissea sul Ryanair: imbarco negato con il biglietto e ragazzo 'abbandonato' in aeroporto

  • Uccide soffocando i suoi due figli gemelli. Aveva scritto sms alla madre: "Non li rivedrai più"

  • Consultori di Milano: indirizzi, orari e numeri utili

  • Accoltellato mentre cammina nei pressi del Parco Trotter, grave un 30enne all'alba

  • Omicidio in via Trilussa a Milano, sale dal vicino nel cuore della notte e lo uccide

  • Elena e Diego, i gemellini milanesi uccisi dal loro papà: ecco le prime verità dell'autopsia

Torna su
MilanoToday è in caricamento