Lo sciopero dei braccianti arriva a Milano: cassette vuote fuori dal super e niente spesa

L'iniziativa delle staffette di mutuo soccorso in solidarietà con lo sciopero dei braccianti

La protesta a Milano

Una catasta di cassette, tutte vuote, tutte senza nulla all'interno. E una sorta di filo invisibile che unisce il capoluogo a tutti i campi agricoli d'Italia. Arriva a Milano lo sciopero dei braccianti, che giovedì incrociano le braccia per protestare contro la sanatoria che regolarizzerà alcuni di loro, dandogli così la possibilità di lavorare, ma che - denunciano - punta in realtà a una "regolarizzazione per mera utilità di mercato anziché per garantire il diritto alla vita".

Mercoledì sera, le staffette di mutuo soccorso - che dall'inizio dell'emergenza Coronavirus consegnamo spese solidali a chi si trova in difficoltà economica - hanno voluto mostrare la loro solidarietà ai braccianti con un'azione sotto il supermercato Carrefour di City Life. I manifestanti, che hanno preso in prestito le parole di Aboubakar Soumaoro - il sindacalista che era stato appoggiato anche dal sindaco Beppe Sala nella sua battaglia - hanno depositato fuori dall'ingresso alcune cassette di frutta e verdura vuote e hanno esposto lo striscione con la scritta "la grande distribuzione sfrutta e iqnuina". 

 "La pandemia ha reso evidenti le connessioni tra inquinamento e salute - hanno spiegato i ragazzi, ricordando anche che un bracciante guadagna 3 euro all'ora -. Ha messo in luce le disuguaglianze sociali. Per questo supportiamo lo sciopero dei braccianti". E a spiegare le ragioni dei lavoratori era stato proprio Soumaoro: "Ci si è preoccupati della verdura e della frutta, che si teme possano marcire, piuttosto che delle persone, i cui diritti stanno marcendo da anni nei campi", aveva sottolineato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le ragazze e i ragazzi hanno poi invitato i clienti a partecipare allo "sciopero dei consumi" previsto per il 21: una giornata senza comprare frutta e verdura nei supermercati, con i carrelli che restano vuoti. Come saranno vuote le cassette che i braccianti per un giorno si rifiuteranno di riempire. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollettino contagi 30 maggio 2020: morti senza fine, ancora 67 persone. Contagi stabili

  • Bollettino Coronavirus in Lombardia: 38 morti e +354 positivi, il 70% dei nuovi casi in Italia

  • Bonus bici valido a Milano, l'elenco dei Comuni: ecco come richiederlo

  • Ogni quanto bisogna pesarsi?

  • Bollettino Coronavirus in Lombardia e a Milano: 29 morti e 84 nuovi casi ma pochi tamponi

  • Bollettino Coronavirus in Lombardia e a Milano: tamponi quasi 'spariti', dati ininfluenti

Torna su
MilanoToday è in caricamento