"Pena di morte per Kabobo": sequestrata la pubblicità

"Clandestino uccide 3 italiani a picconate, pena di morte subito": sequestrata la pubblicità di MirkoRosa, titolare di diversi compro oro

Un camion con il manifesto

Le pubblicità di MirkoRosa, noto commerciante d'oro, tornano agli onori della cronaca. Il mese scorso l'imprenditore aveva reclamizzato la propria attività con un manifesto molto discutibile: sullo stampato si poteva vedere il papa in ginocchio davanti al commerciante, a lato la scritta: "Fai come lui per il tuo oro vai dal N°1". La pubblicità, dopo aver fatto il giro della rete, fu ritirata. 

Questa volta il commerciante, per propagandare la sua attività di compro oro, ha fatto diffuso una reclame che reca un chiaro riferimento alla vicenda di Mada Kabbo, ghanese che lo scorso mese ha uscciso tre persone a colpi di piccone. "Clandestino uccide 3 italiani a picconate, pena di morte subito!", si legge nel nuovo manifesto di MirkoRosa.

La pubblicità ha creato non poco scalpore nella cittadinanza. Diverse persone hanno segnalato l'annuncio alle autorità competenti che, successivamente, hanno proceduto al suo sequestro.  "La Magistratura ha ordinato il sequestro di un manifesto pubblicitario, che da qualche giorno girava per le vie di Legnano, Cerro Maggiore e di altri comuni limitrofi, dedicato alle attività di un noto esercizio commerciale compro oro presente in varie città della Lombardia", scrivono in una nota congiunta i primi cittadini di Legnano e Cerro Maggiore: Alberto Centinaio e Antonio Lazzati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Resta il disappunto — proseguono i due sindaci nella nota diffusa agli organi di informazione — di dover constatare come, con questo provvedimento, si finisce inevitabilmente con il fare ulteriore pubblicità gratuita al negozio in questione secondo la vecchia regola secondo cui, non importa se bene o male, l’importante è chi se ne parli".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, 'paziente covid positivo' attraversa la città con flebo e ossigeno: la performance

  • Milano, folle abbandona la mamma sull'A7, poi picchia un tranviere e si mette a guidare il tram

  • Incidente a Carpiano, scontro tra due auto piene di bambini: bimba di 7 mesi grave

  • Milano, ancora spari in via Creta: ragazzo di 32 anni gambizzato durante la notte, le indagini

  • Fanno esplodere la banca e scappano verso un campo rom: il bottino era di 60mila euro

  • Lo spettacolo della cometa Neowise, visibile a occhio nudo sopra Milano

Torna su
MilanoToday è in caricamento