Ragazza partorisce fuori dal boschetto della droga di Rogoredo: ricoverati lei e il bambino

È successo all'1.40 della notte tra domenica e lunedì. Il piccolo è in ospedale, ma sta bene

Il boschetto - Foto repertorio

Ha trovato rifugio in quella vecchia struttura ormai in disuso. E lì ha dato alla luce il suo bimbo. Una ragazza di ventisette anni - Elnara, una giovane ucraina con problemi conclamati di tossicodipendenza - ha partorito nella notte tra domenica e lunedì in una cascina abbandonata all'angolo tra via Rogoredo e via Orwell, a due passi dal boschetto della droga. 

L'allarme, stando a quanto riferito dalla Questura, è scattato all'1.40, quando un uomo - un ucraino che era in compagnia della giovane - ha telefonato al 112 e ha spiegato che la ragazza era sul punto di partorire. 

Al loro arrivo sul posto, medici e agenti hanno trovato la madre e il piccolo nella vecchia casa, li hanno soccorsi e li hanno accompagnati in ospedale. I due sono stati quindi ricoverati alla clinica Mangiagalli in codice giallo, ma fortunatamente le loro condizioni sono tutto sommato buone. 

La vicenda sarà ora seguita dalla polizia e dai servizi sociali.  

Potrebbe interessarti

  • Perchè è importante cambiare le lenzuola del letto

  • Schiamazzi e lite furibonda all'una di notte in strada

  • Pulizia della lavastoviglie: tutti i consigli utili

  • Come svegliarsi bene la mattina: 6 consigli pratici

I più letti della settimana

  • Follia sul bus a Milano, autista picchiato a sangue: la foto denuncia dell'occhio tumefatto

  • E' morto a Milano Enrico Nascimbeni, aveva 59 anni

  • Sciopero dei mezzi a Milano, giovedì stop a metro, tram e bus Atm: gli orari dell'agitazione

  • Meno di 300 euro per andare (e tornare) da Milano a New York: ecco il nuovo volo diretto

  • Ragazzo di ventidue anni sparito da oltre un mese: ritrovato a Milano, dormiva in strada

  • Assorbenti, coppette mestruali e sex toys: a Milano il primo negozio dedicato alla vagina

Torna su
MilanoToday è in caricamento