Ragazza partorisce fuori dal boschetto della droga di Rogoredo: ricoverati lei e il bambino

È successo all'1.40 della notte tra domenica e lunedì. Il piccolo è in ospedale, ma sta bene

Il boschetto - Foto repertorio

Ha trovato rifugio in quella vecchia struttura ormai in disuso. E lì ha dato alla luce il suo bimbo. Una ragazza di ventisette anni - Elnara, una giovane ucraina con problemi conclamati di tossicodipendenza - ha partorito nella notte tra domenica e lunedì in una cascina abbandonata all'angolo tra via Rogoredo e via Orwell, a due passi dal boschetto della droga. 

L'allarme, stando a quanto riferito dalla Questura, è scattato all'1.40, quando un uomo - un ucraino che era in compagnia della giovane - ha telefonato al 112 e ha spiegato che la ragazza era sul punto di partorire. 

Al loro arrivo sul posto, medici e agenti hanno trovato la madre e il piccolo nella vecchia casa, li hanno soccorsi e li hanno accompagnati in ospedale. I due sono stati quindi ricoverati alla clinica Mangiagalli in codice giallo, ma fortunatamente le loro condizioni sono tutto sommato buone. 

La vicenda sarà ora seguita dalla polizia e dai servizi sociali.  

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Ovest: motociclista tamponato finisce oltre il guard rail e viene travolto, morto

  • Milanese "razzista" e "salviniana" non affitta ai "meridionali": l'audio diventa virale

  • Milano, paura in un cantiere a City Life: gru precipita dal 29° piano della Torre Libeskind

  • Uomo vestito da Joker e con una pistola finta provoca il panico in metro a Milano: treni in tilt

  • Folle colpo al centro commerciale: i rapinatori 'speronano' i carabinieri e c'è una sparatoria

  • Milano, fumo nero e puzza di bruciato da Spontini in via Marghera: arrivano i pompieri

Torna su
MilanoToday è in caricamento