Ragazzino preso a calci e coltellate per una donna dai latinos: il video del tentato omicidio

Quattro ragazzi sono stati arrestati per la rissa e per aver cercato di uccidere un 17enne

Immagini di repertorio

Come piranha affamati si gettano sulla loro preda per 'azzannarla'. E' più o meno questo il sistema messo in atto dai membri della gang di latinos in giro per il mondo in tutti gli attacchi di cui sono protagonisti. Anche a Milano, all'alba del 3 giugno, erano in quattro contro uno. Loro - i piranha - lo prendevano a calci e pugni mentre lui - la preda - era per terra e cercava di coprirsi con le mani la testa, per quel che poteva. Uno di loro, poi, con un punteruolo gli piantava nel frattempo quattro colpi secchi sul torace. E andavano via.

Una sequenza violentissima rimasta immortalata sulle telecamere di video sorveglianza del Comune, che hanno dato un contributo fondamentale alle indagini degli uomini della Squadra Mobile coordinati da Lorenzo Bucossi, che gli hanno arrestati dopo quasi cinque mesi di indagini.

A finire in manette sono tre ragazzi salvadoregni e un honduregno. Secondo i detective di via Fatebenefratelli, il quartetto, legato alla Mara Salvatrucha, Ms13, temibile gang di latinos di El Salvador, quel giorno ha cercato di uccidere un 17enne nato in Italia ma di origini sudamericane. Il ragazzino - oggi 18enne - è stato strappato dalla morte dai medici che hanno fermato un'importante emorragia. Basti pensare che da un suo polmone, perforato dalla lama, i medici hanno estratto mezzo litro di sangue.

Video: il terribile pestaggio in strada

La miccia che aveva scatenato il pestaggio, secondo quanto ricostruito dagli investigatori della seconda sezione guidata da Vincenzo La Torre, è stata una discussione all'interno della discoteca "El Besito", per una ragazza. La lite aveva coinvolto due gruppi. Una volta fuori dal locale, attorno alle 5.30, lungo via Toffetti, in direzione della fermata della metropolitana gialla Porto di Mare, mentre il gruppetto degli aggressori procedeva su un marciapiede e la vittima e i suoi amici camminavano sul lato opposto, tra le due sponde erano volati insulti e provocazioni fino allo scontro. Avvenuto all'incrocio con via Gaggia. Ad avere la peggio era stato il 17enne, che pare fosse intervenuto per cercare di placare gli animi.

Le immagini sono chiarissime: si vede il ragazzo a terra, mentre il branco si scatena su di lui. Uno di loro, indossa un berretto da baseball e una maglia bianca da football americano con il numero 56. E' lui ad avere l'arma in mano. E' lui a colpire con quattro rapidi fendenti il 17enne a terra. Ora è lui, un 26enne con un piccolo precedente per ricettazione, ad essere accusato di tentato omicidio. Al momento dell'arresto - è stato trovato a casa di una donna a Busto Arsizio - addosso nascondeva un altro coltello a serramanico. Secondo gli accertamenti di polizia, sarebbe un integrante della Mara Salvatruccia che bazzica nel territorio milanese, sopratutto nelle zone di Mecenate.

Con lui sono stati arrestati un uomo di 38 anni. Anche lui viveva a Busto Arsizio da irregolare: addosso non aveva armi ma un eloquente tatuaggio sul petto raffigurante il logo della Ms13.

Gli altri due, residenti a Varese, non sarebbero interni alla pandilla anche se conoscono perfettamente le regole d'ingaggio della gang. Sono un 25enne - l'honduregno - e un 20enne, entrambi incensurati. Si tratta, spiegano dalla questura di Milano, di ragazzi arrivati in Italia da tempo. Parlavano un perfetto italiano anche se probabilmente sono cresciuti in contesti di degrado generale. Sono accusati tutti di rissa aggravata.

Stando alla ricostruzione, sarebbero assidui frequentatori di Milano. Sopratutto dei locali dove si tenevano feste latine. Li descrive bene Lorenzo Bucossi: "Come spesso accade quando di parla di queste gang, si tratta di personaggi che dimostrano il disprezzo più totale della vita altrui. A Milano non hanno grandi 'piazze' ma non si fanno problemi di alcun tipo a tirare fuori i coltelli".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (11)

  • Avatar anonimo di massimo
    massimo

    ucciderli no? certi ******i dovrebbero essere solo uccisi. W salvini

  • E ora dove sono ? Agli arresti domiciliari ?? Oppure sono già a piede libero .INGIUSTIZIA ITALIANA

  • I latinos ahahahahhhhhhhh ⚰️????

  • Rimandiamoli nel loro paese di M

  • Simone ogni tanto qualche H usala.

  • Ci sarà mica da spendere tempo e parole per questa feccia !?

    • basta un proiettile a testa e il problema è risolto

  • Bestie umane si scannassero tra loro oppure marcissero in cella !

    • Non sono bestie, sono dei rifiuti che devono essere messi in una gabbia 1x1 a morire

      • ma stai zitto che ci ai la faccia da babbbuino sembra ke ti ai lavato la faccia con la spazzatura ma mettiti tu in gabbia kn i tuioi amnici madrebbini dell'africa

        • Avatar anonimo di massimo
          massimo

          da come scrivi potresti andare solo allo zoo, ma a Milano non c'e' piu. non ti rimane che cacciare la testa nel cesso.

Notizie di oggi

  • Attualità

    Asilo paragonato a "scuola di ballo e canto": e il condominio sfratta i bambini e le maestre

  • Cronaca

    Ragazzini ubriachi e senza biglietto picchiano l'autista di un bus e filmano tutto, beccati

  • Cronaca

    Scappa contromano, sperona la polizia e si schianta: arrestato dopo folle inseguimento

  • Cronaca

    Anziano rapinato in ascensore: 38enne arrestato aggredisce i poliziotti

I più letti della settimana

  • Selvaggina, idromele: a Milano arriva Valhalla, il primo ristorante vichingo d'Italia

  • Tragedia al concerto del trapper milanese Sfera Ebbasta: sei morti e otto feriti gravi

  • Milano apre un nuovo Esselunga: ecco come sarà il superstore

  • Blocco del traffico a Milano da venerdì 7 dicembre: superati i limiti polveri sottili (PM10)

  • Incidente sull'Autostrada A1: furgone contromano, sul posto 6 ambulanze, traffico in tilt

  • Tangenziale Ovest di Milano chiusa per un mese nel tratto tra l'Autostrada 8 e Rho

Torna su
MilanoToday è in caricamento