Uccise rapinatore nel 2003, chiesti 9 anni e mezzo per Giovanni Petrali

Il sostituto procuratore generale di Milano De Petris ha chiesto nel processo d'appello una condanna a 9 anni e mezzo per omicidio volontario e tentato omicidio nei confronti di Giovanni Petrali, il tabaccaio che uccise un rapinatore e ferì il suo complice. De Corato: "Richiesta assurda, da vittima Giovanni Petrali è diventato carnefice"

Il sostituto procuratore generale di Milano Piero De Petris ha chiesto nel processo d'appello una condanna a nove anni e mezzo di reclusione per omicidio volontario e tentato omicidio nei confronti di Giovanni Petrali (nella foto dal web), il tabaccaio che nel maggio 2003, colpendoli alle spalle, uccise un rapinatore e ferì il suo complice che avevano tentato di mettere a segno una rapina nella sua tabaccheria in centro a Milano.

PRIMO GRADO - In primo grado nel febbraio del 2009 il tabaccaio era stato condannato a un anno e otto mesi di reclusione (pena sospesa) per omicidio colposo e lesioni colpose, poiché i giudici avevano spiegato che l'anziano commerciante era incorso in un errore di percezione" perché era "sconvolto" al momento della rapina.

IL 21 MARZO LA DECISIONE - Nel primo grado di giudizio anche il pm aveva chiesto una condanna a nove anni e sei mesi di carcere per omicidio volontario e tentato omicidio, come ha fatto oggi il sostituto pg che ha chiesto per l'uomo il riconoscimento comunque delle attenuanti generiche e della provocazione. Il processo dovrebbe concludersi il prossimi 21 marzo.

"DA VITTIMA A CARNEFICE" - Rabbiose, alla notizia della richiesta del pg, sono state le dichiarazioni del vicesindaco Riccardo De Corato: "Qui una vittima diventa carnefice, assurda la richiesta a 9 anni e mezzo di reclusione per il tabaccaio Giovanni Petrali già plurirapinato e che per salvare la pelle si è solo difeso: dopo il danno, la beffa. Situazioni come quelle che ha dovuto affrontare il povero esercente sono estremamente difficili da gestire: quando ci si trova davanti un rapinatore nel proprio negozio, si pensa innanzitutto a tutelare la propria vita. Non dimentichiamo che un altro tabaccaio, Ottavio Capalbo, così come uno sfortunato orefice, Ezio Bartocci, alcuni anni fa finirono assassinati in condizioni analoghe".

Potrebbe interessarti

  • A Milano gli rubano la bici con cui sta viaggiando per il mondo, l'appello: "Aiutatemi"

  • Intolleranza al lattosio: come riconoscerla

  • Come avere i finanziamenti per riqualificare energeticamente la casa a Milano

I più letti della settimana

  • Appena arrivato a Malpensa inizia a tremare: muore 28enne 'mulo' del narcotraffico

  • Milano, due fratelli morti in una casa a Baggio: uno ucciso a coltellate, un altro impiccato

  • Morto il fumettista milanese AkaB, Gabriele Di Benedetto: aveva solo 43 anni

  • La notte folle di un uomo: fa sesso con una prostituta, poi ‘spara’, la rapina e si accoltella

  • Omicidio suicidio a Milano: ammazza il fratello a coltellate, poi si impicca al balcone di casa

  • Incidente a Zibido, si schianta alla rotatoria e l'auto si ribalta più volte: morto un 32enne

Torna su
MilanoToday è in caricamento