Uccise rapinatore nel 2003, chiesti 9 anni e mezzo per Giovanni Petrali

Il sostituto procuratore generale di Milano De Petris ha chiesto nel processo d'appello una condanna a 9 anni e mezzo per omicidio volontario e tentato omicidio nei confronti di Giovanni Petrali, il tabaccaio che uccise un rapinatore e ferì il suo complice. De Corato: "Richiesta assurda, da vittima Giovanni Petrali è diventato carnefice"

Il sostituto procuratore generale di Milano Piero De Petris ha chiesto nel processo d'appello una condanna a nove anni e mezzo di reclusione per omicidio volontario e tentato omicidio nei confronti di Giovanni Petrali (nella foto dal web), il tabaccaio che nel maggio 2003, colpendoli alle spalle, uccise un rapinatore e ferì il suo complice che avevano tentato di mettere a segno una rapina nella sua tabaccheria in centro a Milano.

PRIMO GRADO - In primo grado nel febbraio del 2009 il tabaccaio era stato condannato a un anno e otto mesi di reclusione (pena sospesa) per omicidio colposo e lesioni colpose, poiché i giudici avevano spiegato che l'anziano commerciante era incorso in un errore di percezione" perché era "sconvolto" al momento della rapina.

IL 21 MARZO LA DECISIONE - Nel primo grado di giudizio anche il pm aveva chiesto una condanna a nove anni e sei mesi di carcere per omicidio volontario e tentato omicidio, come ha fatto oggi il sostituto pg che ha chiesto per l'uomo il riconoscimento comunque delle attenuanti generiche e della provocazione. Il processo dovrebbe concludersi il prossimi 21 marzo.

"DA VITTIMA A CARNEFICE" - Rabbiose, alla notizia della richiesta del pg, sono state le dichiarazioni del vicesindaco Riccardo De Corato: "Qui una vittima diventa carnefice, assurda la richiesta a 9 anni e mezzo di reclusione per il tabaccaio Giovanni Petrali già plurirapinato e che per salvare la pelle si è solo difeso: dopo il danno, la beffa. Situazioni come quelle che ha dovuto affrontare il povero esercente sono estremamente difficili da gestire: quando ci si trova davanti un rapinatore nel proprio negozio, si pensa innanzitutto a tutelare la propria vita. Non dimentichiamo che un altro tabaccaio, Ottavio Capalbo, così come uno sfortunato orefice, Ezio Bartocci, alcuni anni fa finirono assassinati in condizioni analoghe".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, turista sequestrata e violentata dentro un McDonald's: le fratturano anche il naso

  • Metro linea gialla M3: uomo perde la vita, circolazione bloccata

  • La procura sequestra il Villaggio di Natale a Milano: a rischio l'apertura del mega parco

  • La Dea bendata bacia il Milanese: vincita record con il concorso di sabato del Lotto

  • La metro è sempre più grande, ecco i soldi per prolungare la M5: 11 nuove stazioni sulla lilla

  • Incidente a Milano, perde il controllo dell'auto: finisce nel ristorante, paura in piazzale Martini

Torna su
MilanoToday è in caricamento