Arrestato il rapinatore 'al telefono': preso dai 'falchi' dopo l'undicesimo colpo in farmacia

Fermato un italiano di 52 anni. L'uomo aveva appena fatto una rapina in piazza Gasparri

Il rapinatore

Fa irruzione in farmacia, finge di avere una pistola in tasca e si fa consegnare 550 euro in contanti. E' sospettato di essere l'autore di altre undici rapine.
L'uomo, un 52enne italiano, è stato arrestato lunedì pomeriggio dagli agenti della Squadra Mobile della Questura di Milano. L'accusa è quella di rapina.

Aveva fatto irruzione in una farmacia di piazza Gasparri e, dopo aver minacciato il farmacista e finto di avere una pistola nella tasca, si era fatto consegnare l'incasso di 550 euro in contanti. Poco dopo, gli agenti della sezione "Falchi" della Squadra Mobile l'hanno bloccato e arrestato.

Chi è il rapinatore che parla al telefono

L'uomo è sospettato di altre undici rapine, nove da ottobre del 2018 a oggi e due commesse nel 2014, consumate con la stessa tecnica. La caratteristica del modus operandi consiste tendenzialmente nel temporeggiare al telefono cellulare all'esterno degli obiettivi attendendo il momento giusto per colpire.

È proprio questo modo - "isolata serialità" - che ha consentito di collegarlo a tutte le altre rapine: incastrato dalle testimonianze delle vittime e dalle immagini di video sorveglianza.

Le foto dell'ultima rapina

Rapina Farmacia (1)-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, turista sequestrata e violentata dentro un McDonald's: le fratturano anche il naso

  • Primark apre un altro negozio milanese: il 4 dicembre inaugura il mega store al Fiordaliso

  • La procura sequestra il Villaggio di Natale a Milano: a rischio l'apertura del mega parco

  • La metro è sempre più grande, ecco i soldi per prolungare la M5: 11 nuove stazioni sulla lilla

  • Incidente a Milano, perde il controllo dell'auto: finisce nel ristorante, paura in piazzale Martini

  • Milano, lite in strada tra due donne per 50 euro: uomo le separa ma viene accoltellato

Torna su
MilanoToday è in caricamento