Picchia e rapina una ragazza nella fermata di Loreto: le strappa gli orecchini dai lobi, preso

Si tratta di un 19enne romeno pieno di precedenti di polizia. Ora è accusato di rapina

L'uomo

Il 3 agosto aveva aggredito una ragazza all'interno della fermata della metropolitana Loreto. Prima una domanda, poi un pugno, e le aveva strappato gli orecchini e la borsetta. Ad un mese di distanza è stato arrestato dagli agenti della polmetro che da quel giorno gli davano la caccia. A tradirlo erano state le telecamere della fermata che lo avevano ripreso in faccia e che, soprattutto, avevano immortalato quel suo tatuaggio sulla mano destra: un tao.

Si tratta di un 19enne romeno pieno di precedenti di polizia. Ora è accusato di rapina e ricettazione. Il colpo, quella mattina, ai danni di una giovane donna era avvenuto alle 12:30. La vittima era stata avvicinata all'uscita della metro Loreto dall'uomo con la scusa di chiedere informazioni ed è stata colpita violentemente con un pugno al volto, e rapinata degli orecchini strappati dai lobi e della borsa che indossava con all'interno documenti, chiavi dell'abitazione, denaro e cellulare. 

Gli agenti della polmetro dell'Ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico della questura di Milano hanno acquisito le immagini del sistema di videosorveglianza ed hanno notato che il rapinatore, tra i vari tatuaggi, ne aveva uno particolare sulla mano destra. Lo stesso che poi hanno scoperto nella mano di un giovane sospetto nella serata del 4 settembre 2018, alla fermata MM3 Sondrio. Durante la stessa notte, la vittima ha riconosciuto senza ombra di dubbio il suo aggressore tramite l'individuazione fotografica.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dagli accertamenti dei poliziotti, l'uomo, nato in Romania, è risultato senza fissa dimora in Italia, con 9 alias e numerosi precedenti per rapina, furto, rissa, resistenza, lesioni, danneggiamento, oltraggio a pubblico ufficiale, evasione dagli arresti domiciliari, estorsione, stupefacenti. Il giovane è stato accompagnato presso il carcere di San Vittore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollettino contagi 30 maggio 2020: morti senza fine, ancora 67 persone. Contagi stabili

  • Bollettino Coronavirus in Lombardia e a Milano: continuano a salire i contagi +382

  • Bollettino Coronavirus in Lombardia: 38 morti e +354 positivi, il 70% dei nuovi casi in Italia

  • Coronavirus, "in Lombardia magheggi sui numeri per riaprire". Il Pirellone: "Non è vero". E querela

  • Bonus bici valido a Milano, l'elenco dei Comuni: ecco come richiederlo

  • Francesco, 18 anni e i polmoni "bruciati" dal Coronavirus: salvato col trapianto da record

Torna su
MilanoToday è in caricamento