Milano, ancora un "rave" notturno fuori dalla stazione di Lambrate: la protesta dei residenti

Musica ad alto volume fino a notte fonda e fiumi di alcol in piazza Bottini

Ancora un "rave" notturno in piazza Bottini, presso la stazione ferroviaria di Lambrate. Lo denunciano i residenti e il consigliere di Municipio 3 Marco Cagnolati, con una lettera all'assessorato alla sicurezza e al comando di polizia locale di Zona 3. 

«Nonostante le proteste dei residenti e le telefonate alla polizia locale, l'evento si è tenuto regolarmente con musica ad altissimo volume per tutta la notte per la "gioia" dei residenti della piazza», scrive Cagnolati nella sua lettera. Non è la prima volta che decine e decine di giovani si ritrovano in piazza, tra le corsie degli autobus, e ascoltano musica ad alto volume fino al pieno della notte. Era già successo a maggio: in quella occasione, numerosi residenti si erano lamentati e avevano anche scattato fotografie e girato filmati dai balconi circostanti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si tratta quindi di una "abitudine" dura a morire, quella dei "rave" non autorizzati a base di musica e alcol che, in passato, lasciavano anche "resti" come siringhe usate. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, mascherine gratis in Lombardia: ecco dove ritirarle, a Milano sono 900mila

  • "Sono affamato": l'Esselunga gli regala la spesa, e lui sputa in faccia al vigilante

  • Coronavirus, a Milano continuano a crescere i contagi. Oltre 9mila morti in tutta la Regione

  • Coronavirus, a Milano 411 nuovi positivi in 24 ore: "La curva dei contagi è preoccupante"

  • Coronavirus, per la Regione "dati confortanti" ma la crescita dei contagi (e dei morti) è senza fine

  • Coronavirus, 99 malati in più a Milano nelle ultime 24 ore. «Serve ultimo sforzo»

Torna su
MilanoToday è in caricamento