Sudamericani e "rave" nei parchi: saranno individuate aree pic-nic

L'intenzione di Carmela Rozza (sicurezza): selezionare aree nei grandi parchi per consentire i pic-nic

Nessuno, finora, è riuscito a fermare o quantomeno limitare le feste dei sudamericani nei parchi cittadini. Feste che si "concentrano" soprattutto nel periodo estivo e che - da semplici pic-nic - si trasformano in pomeriggi e serate con musica ad alto volume. Un'abitudine estremamente dannosa per i parchi stessi, che alla fine vengono lasciati sporchissimi; e per il sonno dei residenti nei quartieri interessati, che nulla possono contro il frastuono notturno.

Gli unici esperimenti tentati finora, come i cartelli multilingue, sono serviti a ben poco. Ma ora, l'assessore alla sicurezza Carmela Rozza ha in mente qualcosa di più organico. Da una parte un intervento deciso con le comunità latinoamericane attraverso chi già oggi viene ascoltato, come sacerdoti che si occupano di migranti. Dall'altra, nei parchi grandi l'individuazione di aree appositamente dedicate ai pic-nic, in modo da limitare i "danni" a zone circoscritte e possibilmente lontane dalle case. 

Potrebbe interessarti

  • A Milano gli rubano la bici con cui sta viaggiando per il mondo, l'appello: "Aiutatemi"

  • Intolleranza al lattosio: come riconoscerla

  • Come avere i finanziamenti per riqualificare energeticamente la casa a Milano

I più letti della settimana

  • Appena arrivato a Malpensa inizia a tremare: muore 28enne 'mulo' del narcotraffico

  • È morta Nadia Toffa, addio alla conduttrice de "Le Iene" che lottava contro il cancro

  • Morto il fumettista milanese AkaB, Gabriele Di Benedetto: aveva solo 43 anni

  • Milano, dramma davanti al Tribunale: donna precipita e muore mentre pulisce i vetri. Foto

  • Milano, due fratelli morti in una casa a Baggio: uno ucciso a coltellate, un altro impiccato

  • Milano, dramma a Rogoredo: ragazza di 28 anni muore travolta da un treno in stazione

Torna su
MilanoToday è in caricamento